Cecchinato: "Ho ritrovato il Marco grintoso che tutti avevano conosciuto"



by   |  LETTURE 1046

Cecchinato: "Ho ritrovato il Marco grintoso che tutti avevano conosciuto"

Il 5 giugno 2018, Marco Cecchinato ha ottenuto la vittoria più importante della sua carriera. Il tennista azzurro riuscì in quella occasione a battere Novak Djokovic in quattro set al Roland Garros e a raggiungere per la prima volta le semifinali in un torneo del Grande Slam, spingendo tutto il movimento maschile a credere nella possibilità di firmare grande risultati.

Dopo aver vinto tre tornei ATP ed essersi spinto fino alla sedicesima posizione del ranking ATP, il palermitano ha deluso le aspettative e vissuto una vera e propria crisi. Una crisi che sta superando nel migliore dei modi grazie al suo talento ed alla nuova collaborazione con Massimo Sartori.

Cecchinato è pronto a tornare grande

"Da numero 16 sono uscito dalla top 100. Rosicavo tanto. Era una cosa che mi faceva star male. Tante sconfitte al primo turno, brutte sensazioni. Ho passato un periodo difficile" , ha raccontato Cecchinato nello speciale "Il nuovo Ceck" prodotto da Sky Sport.

"Mi dicevano che quando ti nasce un figlio ti cambia la vita. E’ vero. A me è cambiata tanto, mi sento molto più responsabile. Vedi le cose in maniera diversa. Per me è stato importante perché mi ha dato tanta energia positiva.

La scelta di Max e la nascita di mio figlio sono state due cose che mi hanno fatto ritrovare la serenità e la voglia che mi mancava da un po’ di tempo. Ho ritrovato il Marco Cecchinato grintoso che tutti avevano conosciuto, quindi ci sono cose positive sia in campo come atteggiamento sia a livello fisico.

Ho lavorato tanto e questo stop mi è servito. Ho avuto la possibilità di rimettermi in sesto. Ho trascorso tante ore in campo con Max, avevo bisogno di ritrovare quelle buone sensazioni che avevo dimenticato. Il mio punto di forza sono gli occhi.

Quando ho quell’espressione riconosco il vero Marco. Quello che si era spento verso la fine del 2019 e inizio 2020. E’ la parte più importante quando sono in campo" .