Sebastian Korda parla di sua madre: “Ha plasmato il mio gioco”



by   |  LETTURE 1489

Sebastian Korda parla di sua madre: “Ha plasmato il mio gioco”

Il ventenne Sebastian Korda è nato a Bradenton, Florida, il 5 luglio del 2000. Best ranking al numero 116 del mondo qualche settimana fa, nell’ultima edizione del Roland Garros è riuscito a spingersi fino agli ottavi di finale, dopo aver sconfitto Andreas Seppi, John Isner e Pedro Martinez, perdendo quindi contro il futuro campione Rafael Nadal col punteggio di 6-1 6-1 6-2.

Sebastian è figlio di Petr Korda – vincitore degli Australian Open 1998 – e Regina Rajchrtova, ex numero 26 del mondo.

Il ruolo di Regina nel tennis di Sebastian Korda

Sebastian ha iniziato la sua stagione 2021 partecipando al torneo ATP 250 di Delray Beach, negli Stati Uniti.

Al primo turno ha superato il sudcoreano Kwon Soon-woo con un doppio 6-4, mentre nella partita successiva ha rimontato e sconfitto il connazionale Tommy Paul per 4-6 6-3 6-2. Nell’intervista post match, Korda ha parlato di sua madre: “Mia mamma è stata una grande giocatrice, capace persino di entrare tra le prime trenta tenniste al mondo.

Non ha la fama di mio padre o di mia sorella, ma è la pietra angolare della nostra famiglia. In pratica, ha plasmato il mio gioco”. Sebastian ha concluso il suo 2020 con il trionfo nel Challenger di Eckental, in Germania: ha battuto Tomas Machac, Johannes Haerteis, Alexei Popyrin e Ilya Ivashka, prima di superare con il punteggio di 6-4 6-4 l’indiano Ramkumar Ramanathan in finale.

Korda sfiderà John Isner nei quarti di Delray Beach: l’unico precedente tra i due, come già accennato, è andato in scena nella scorsa edizione del Roland Garros parigino. Sebastian non è mai apparso nel tabellone principale degli Australian Open, evento in cui ha perso al primo turno delle qualificazioni nel 2019 (battuto agevolmente dal nipponico Go Soeda).

L’ex numero uno del mondo Roger Federer ha preferito non giocare a Melbourne quest’anno, a causa della quarantena di due settimane che avrebbe dovuto trascorrere la sua famiglia nell’hotel messo a loro dispozione.

Photo Credit: SuperTennis