Cocciaretto: "Il tennis è uno sport meritocratico: se vinci sali di classifica"



by   |  LETTURE 1813

Cocciaretto: "Il tennis è uno sport meritocratico: se vinci sali di classifica"

Nonostante la lunga sospensione del Tour WTA ed i pochi tornei disputati nel 2020, Elisabetta Cocciaretto può ritenersi soddisfatta delle sue prestazioni e della sua crescita nel circuito maggiore. La tennista italiana è partita nel migliore dei modi superando le qualificazioni a Melbourne e raggiungendo il main draw dell’Australian Open.

Cocciaretto si è messa poi in mostra soprattutto nella seconda parte di stagione, quando si è spinta fino ai quarti di finale a Palermo e conquistato la finale al WTA 125k di Praga.

Cocciaretto e la voglia di emergere nel circuito maggiore

In un’intervista a Il Resto del Carlino, l’attuale numero 132 del ranking WTA ha parlato della sua stagione, dei suoi progressi e dei suoi obiettivi futuri.

“2021? Spero di poter fare una stagione intera e confrontarmi con giocatrici di alto profilo per capire cosa mi manca perché un giorno possa arrivare a quel livello. Scolari( suo attuale allenatore, ndr) mi ripete che avere pressione è un privilegio perché vuol dire che vali.

Il tennis è uno sport meritocratico: se vinci sali di classifica. Non ti regala niente nessuno per cui occorre dare il massimo ogni giorno, perché dall’altra parte del campo ci sarà una giocatrice che ovviamente avrà fatto di tutto per vincere.

Se ti impegni ogni volta porti a casa qualcosa, nel tennis come nella vita.Devo crescere sul piano fisico, poi devo essere più concentrata ed essere meno altalenante durante la gara“ . Cocciaretto ha poi rivelato di essersi iscritta anche alla Facoltà di Giurisprudenza a Camerino (MC).

“È vicino casa, è una delle università più antiche, c’è la possibilità di avere un contatto diretto con i docenti e per me è molto importante non potendo frequentare.

Centro sportivo al suo interno? E' molto bello e accogliente, come ho potuto toccare con mano essendomi allenata. Ma nell’Alto maceratese si può lavorare bene: mi sono allenata anche a Castelraimondo e a Matelica dove si trovava il mio coach Fausto Scolari” .