Schwartzman: "Sapevo che avrei avuto le mie possibilità a Parigi contro Thiem"



by   |  LETTURE 880

Schwartzman: "Sapevo che avrei avuto le mie possibilità a Parigi contro Thiem"

Diego Schwartzman ha giocato la migliore stagione della sua carriera e chiuso l’anno alla nona posizione del ranking mondiale. Il tennista argentino ha iniziato il 2020 raggiungendo gli ottavi di finale agli Australian Open, dove ha perso solo con il futuro vincitore Novak Djokovic, e la finale del torneo ATP 250 di Cordoba.

Quando il Tour è ripartito, dopo una pausa di circa sei mesi dovuta all’emergenza sanitaria, Schwartzman non è riuscito ad adattarsi in maniera immediata alle nuove condizioni di gioco ed ha rimediato due sconfitte su tre partite disputate sul cemento americano, inclusa quella al primo turno degli US Open contro Cameron Norrie.

È sulla terra che l’argentino ha decisamente alzato il livello e sorpreso tutti gli appassionati. El Peque ha battuto in due set Rafael Nadal ai quarti di finale degli Internazionali BNL d’Italia e si è spinto fino alla finale, dove ha trovato sulla sua strada ancora un grande Djokovic.

Schwartzman ha poi trovato il tempo anche di conquistare la sua prima semifinale Slam al Roland Garros battendo Dominic Thiem ai quarti di finale. La finale a Colonia ed i quarti al Masters 1000 di Parigi-Bercy hanno infine permesso a Schwartzman di giocare per la prima volta in carriera le ATP Finals.

Schwartzman e la sua grande stagione

L’argentino, nel 2020, ha mostrato degli evidenti miglioramenti sotto ogni punto di vista e sembra ormai pronto per il definitivo salto di qualità: quello che gli permetterebbe di lottare costantemente contro i migliori giocatori nei tornei più importanti del tennis mondiale.

In una recente intervista, Schwartzman ha parlato proprio della sua irruzione in top ten. “Ho raggiunto questa posizione dopo un grande torneo disputato al Roland Garros, con l’incredibile vittoria ai danni di Dominic Thiem.

Lui aveva vinto gli US Open, ma sapevo che avrebbe potuto perdere a Parigi e che io avrei avuto le mie possibilità. È successo esattamente questo. Ho giocato una grande partita e sono sceso in campo con la giusta fiducia.

Nadal? Battere Rafa sulla terra ed in una partita al meglio dei cinque set è una cosa completamente diversa, in pochissimi ci sono riusciti” .