Fognini: "Sinner-Berrettini? L’Italia si è assicurata 10 anni di grandi risultati"



by   |  LETTURE 2814

Fognini: "Sinner-Berrettini? L’Italia si è assicurata 10 anni di grandi risultati"

Dopo il doppio intervento chirurgico alle caviglie e la positività al Coronavirus, Fabio Fognini è pronto a ritrovare quella continuità che gli permetterebbe di esprimersi al massimo delle sue capacità.

Per farlo, il tennista italiano ha deciso di affidarsi ad Alberto Mancini, ex numero otto del mondo, e al preparatore atletico Alejandro Lacour. Il suo nuovo allenatore ha le idee chiare e crede nel suo assistito, come le dichiarazioni rilasciate al sito ufficiale dell’ATP possono testimoniare.

“Cosa mi ha spinto a scegliere Fabio? Il suo tennis, il suo talento, la sua abilità naturale... e mi ha detto quanto sia motivato e concentrato in questo momento. Vuole davvero sfruttare al massimo gli ultimi anni della sua carriera.

È motivato e vuole puntare in alto. La pandemia ha dato il tempo a tutti di riconsiderare molte cose. Credo che Fabio abbia capito che ha ancora tanto da dare al tennis. Se riesce a mantenere un livello di forma fisica capace di conferirgli serenità per tutto l’anno, con il suo gioco può davvero puntare in alto.

Fabio non sta lavorando solo per rimanere in Tour e superare con tranquillità gli ultimi anni, ma per puntare in alto” .

Fognini esprime il suo pensiero sul potenziale di Berrettini e Sinner

Fabio Fognini, da parte sua, non vede l’ora di tornare a competere e di crescere giorno dopo giorno.

In un'intervista alla Gazzetta dello Sport, Fabio ha parlato della forza del movimento maschile italiano ed in particolare di Matteo Berrettini e Jannik Sinner. “Sono forti, con Sinner e Berrettini l’Italia si è assicurata almeno altri dieci anni di risultati ad alto livello, se non succederanno terremoti.

Geloso della crescita di Jannik? Non sono mai stato geloso dei risultati degli altri, a lui potrei semmai invidiare soltanto i 19 anni“ . Fognini giocherà il suo primo torneo del 2021 ad Antalya a partire dal prossimo 5 gennaio, mentre è ancora in dubbio il resto della sua programmazione prima dell'inizio degli Australian Open, che quest'anno si disputeranno dall'8 al 21 febbraio.