Grigor Dimitrov: “Dopo il ritiro? Ecco cosa potrei fare”



by   |  LETTURE 1725

Grigor Dimitrov: “Dopo il ritiro? Ecco cosa potrei fare”

Il ventinovenne Grigor Dimitrov è stato una grande promessa di questo sport negli anni della sua gioventù, bollato sin da subito come ‘baby Federer’ a causa del suo stile tanto simile a quello del venti volte campione Slam.

Nato nel 1991, il bulgaro ha raggiunto le semifinale degli Australian Open, di Wimbledon e degli Us Open. A Parigi non ha mai superato gli ottavi, mentre alle Finals – torneo a cui ha preso parte un’unica volta – ha conquistato l’edizione 2017, battendo in finale il belga David Goffin in tre set.

Ex numero tre del mondo, Grigor occupa attualmente la 19° posizione del ranking maschile ed è l’unico giocatore bulgaro nella top 250 (il secondo è Dimitar Kuzmanov, numero 295 ATP).

Dimitrov parla della sua vita dopo il tennis

Malgrado non abbia mai preso seriamente in considerazione l’ipotesi del ritiro, il giocatore di Haskovo ha commentato questa eventualità in un’intervista pubblicata anche da EssentiallySports: “Ho un sacco di idee, ma credo che quest’anno abbia scombussolato così tanto le cose che mi terrò aperto a più opzioni.

Chissà, forse mi farò un anno di vacanza? Avevo un sacco di interessi diversi in numerose parti del mondo prima del Coronavirus. Mi piaceva andare alle sfilate di moda. Sono anche un grande appassionato di architettura”.

Grigor non ha comunque escluso la possibilità di rimanere all’interno del nostro sport: “Una cosa importante è che voglio davvero aiutare i bambini che stanno emergendo, la generazione giovane, tra i dieci e i vent’anni, perché credo che sia una delle cose più importanti per un giocatore all’esordio”.

Dimitrov ha disputato quest'anno gli ottavi di finale del Roland Garros, risultato che non era mai riuscito a toccare. E’ stato però battuto dal greco Stefanos Tsitsipas in tre set, col punteggio di 6-3 7-6 6-2.

Il bulgaro ha partecipato ai Giochi di Londra 2012 e a quelli di Rio de Janeiro 2016, ma è stato in grado di vincere un’unica partita in Inghilterra. Photo Credit: EssentiallySports