Alberto Mancini: "Fognini ha ancora tanto da dare al tennis"



by   |  LETTURE 1647

Alberto Mancini: "Fognini ha ancora tanto da dare al tennis"

Dopo una stagione ricca di infortuni e di eventi sfortunati, Fabio Fognini ha deciso di ripartire da Alberto Mancini, ex numero otto del mondo, e dal preparatore atletico Alejandro Lacour. Il tennista italiano vuole tornare a divertirsi e a lottare alla pari con i migliori tennisti del circuito.

"Fabio ha ancora tanto da dare al tennis" , parola di Alberto Mancini

“L’occasione è nata quando mi ha contatto Ugo Colombini, il suo manager” , ha spiegato Mancini nel corso di un’intervista al sito ufficiale dell’ATP.

“Mi ha detto che Fabio stava cercando un nuovo team e che io ero la prima scelta. Cosa mi ha spinto a scegliere Fabio? Il suo tennis, il suo talento, la sua abilità naturale... e mi ha detto quanto sia motivato e concentrato in questo momento.

Vuole davvero sfruttare al massimo gli ultimi anni della sua carriera. È motivato e vuole puntare in alto. La pandemia ha dato il tempo a tutti di riconsiderare molte cose. Credo che Fabio abbia capito che ha ancora tanto da dare al tennis.

Se riesce a mantenere un livello di forma fisica capace di conferirgli serenità per tutto l’anno, con il suo gioco può davvero puntare in alto. Fabio non sta lavorando solo per rimanere in Tour e superare con tranquillità gli ultimi anni, ma per puntare in alto.

Ha una grande visione di gioco, è molto veloce... ha la capacità di leggere la partita e l’avversario, ed è importante. Gioca, inoltre, un tennis aggressivo e può rompere il ritmo degli avversari.

A questo punto della sua carriera, è essenziale essere in condizioni fisiche ottimali. Ecco perché stiamo lavorando così duramente” . Dalla prossima stagione, le ATP Finals si giocheranno a Torino e questo darà un’ulteriore spinta a tutti i tennisti azzurri.

“Il suo desiderio è quello di restare a questi livelli e sentire che, quando sta bene, può competere alla pari con quel gruppo di giocatori. Non abbiamo fissato Torino come obiettivo, ma senza dubbio deve essere nella sua testa.

Bisogna fare un passa alla volta... abbiamo appena iniziato. È una sfida meravigliosa e vedremo dove ci porterà” .