Massu: “Ecco il segreto della mia collaborazione con Dominic Thiem”



by   |  LETTURE 1108

Massu: “Ecco il segreto della mia collaborazione con Dominic Thiem”

Nel febbraio dello scorso anno, Dominic Thiem ha incluso all’interno del proprio team l’ex top 10 cileno Nicolas Massu, dopo aver interrotto il suo rapporto professionale con Gunter Bresnik. Assieme a Massu, l’austriaco ha vinto il suo primo (e fin’ora unico) trofeo Masters 1000 ad Indian Wells 2019, sconfiggendo in rimonta nell’ultima partita Roger Federer.

Più tardi ha raggiunto l’ultimo match del Roland Garros e degli Australian Open 2020, battuto rispettivamente da Rafael Nadal e Novak Djokovic. Qualche settimana fa ha sconfitto il tedesco Alexander Zverev nella finale degli Us Open, in quello che è stato il suo primo successo Major.

Alle Finals di Londra ha raggiunto la sua seconda finale consecutiva, perdendo stavolta contro un ottimo Daniil Medvedev.

Cosa ha detto Nicolas Massu?

A seguito della finale disputata a Melbourne, Dominic si è issato fino alla terza posizione del ranking ATP: gradino che occupa ancora oggi, subito dietro a Novak Djokovic e lo spagnolo Rafael Nadal.

“Credo che ci capiamo molto bene sia da un punto di vista professionale che personale”, ha detto il suo allenatore Massu. “Abbiamo un’ottima comunicazione, tanto rispetto e la volontà di migliorare ogni giorno che passa”.

Queste le parole dell’ex tennista sudamericano, come riportato da EssentiallySports. Il campione di Wiener Neustadt prenderà parte tra qualche settimana allo Slam di Melbourne, dove tenterà di difendere l’ottimo risultato dello scorso anno.

Obiettivo dell’austriaco anche le Olimpiadi di Tokyo, posticipate di dodici mesi a causa dell’emergenza Coronavirus e adesso tra i principali interessi di Thiem nella nuova stagione. “Nel modo in cui lavoriamo cerchiamo sempre di dare il nostro 100% ogni giorno”, ha dichiarato Massu.

Il cileno ha infine commentato il ruolo giocato dalla differenza culturale nel rapporto tra loro due: “Credo che questa ci rafforzi, perché abbiamo personalità diverse ma condividiamo la stessa passione per essere sempre la migliore versione di noi stessi.

Non abbiamo neanche una grossa differenza in termini di età, questo ci aiuta ad avere grande energia sia dentro che fuori dal campo … Su un livello personale credo che ci stiamo conoscendo sempre di più e costruendo maggiore fiducia ogni giorno”. Photo Credit: ATP Tour