Halep: "Un singolo colpo può cambiare l’umore di un giocatore"



by   |  LETTURE 811

Halep: "Un singolo colpo può cambiare l’umore di un giocatore"

Simona Halep ha vinto il suo secondo titolo del Grande Slam nel 2019 a Wimbledon. In quella occasione, la campionessa rumena riuscì a conquistare uno dei trofei più ambiti da tutti i giocatori battendo nettamente in finale una irriconoscibile Serena Williams.

Il 2020 di Simona Halep, nonostante le difficoltà, non è stato del tutto negativo. La numero due del mondo, che ha deciso di non prendere parte alla stagione americana, ha vinto i tornei di Dubai, Praga e Roma e raggiunto le semifinali agli Australian Open.

" Un singolo colpo può cambiare il nostro umore"

In una recente intervista a “Banca Transilvania” , Halep ha parlato degli alti e bassi che possono colpire ogni atleta e dei periodi più duri della sua carriera.

“Durante una partita, mi passano molti pensieri per la testa, tanti pensieri strani e scoraggianti. Ci sono così tante cose da fare, che diventa difficile analizzare il tutto in un momento successivo” , ha dichiarato con molta sincerità Halep.

“A volte mi arrabbio, mi innervosisco, poi all’improvviso mi calmo ed altrettanto velocemente posso acquisire fiducia in me stessa. Un singolo colpo, un solo punto, può cambiare l’umore di un giocatore.

C’è una linea molto sottile tra il positivo e il negativo. E se finisci nel negativo, rischi di cadere davvero. Combatto anche contro i miei stessi stati d’animo, la mia mente e le mie emozioni. È una lotta con me stessa.

Ricordo sempre alcune parole di Rafael Nadal in cui diceva che se le sconfitte non hanno fatto male, qualcosa non va bene. Per un tennista ogni sconfitta è dura. Dopo essere caduti passi molte ore ad analizzare nel dettaglio quali cose non hanno funzionato e cosa hai fatto.

Dobbiamo sempre cercare di migliorare perché quegli errori non si ripetano, per competere e raggiungere importanti traguardi” . Ricordiamo che Halep quest'anno ha dovuto anche fare i conti con il Coronavirus, problema fortunatamente rientrato senza grandi conseguenze.