Zverev: "Basta parlare dei miei problemi personali, sono qui solo per il tennis"



by   |  LETTURE 2165

Zverev: "Basta parlare dei miei problemi personali, sono qui solo per il tennis"

Dopo un esordio tutt'altro che entusiasmante nel match iniziale alle Atp Finals contro Daniil Medvedev, il tennista tedesco Alexander Zverev ha faticato più del previsto e sicuramente non ha mostrato il suo miglior tennis ma è riuscito a vincere in tre set e dopo una lunga battaglia contro l'argentino Diego Schwartzman.

Grazie a questa vittoria Zverev si garantisce la possibilità di sfidare in un incontro ormai decisivo il numero 1 al mondo Novak Djokovic. Medvedev ha vinto ormai il Girone e Zverev ed il serbo si contenderanno nel terzo match del Round Robin l'accesso alle semifinali.

Le parole in conferenza stampa di Zverev

Al termine dell'incontro Zverev ha parlato di tanti temi, dai suoi recenti problemi personali fino all'incontro ed alla situazione tennistica che vede ancora in bilico il prossimo Australian Open 2021.

Ecco le sue dichiarazioni: "I miei problemi personali? Li gestisco nello stesso modo delle ultime settimane, non cambia nulla. Ho detto già abbastanza a riguardo e sono qui per giocare solamente a tennis ed è quello che farò anche venerdì.

Contro Diego è andata molto meglio del primo match, ma credo rappresenti un processo di crescita. Non mi sono allenato molto, dopo Parigi ho avuto un piccolo infortunio e ora devo lavorare affinché possa migliorare ogni gara.

Spero ci sia una crescita anche venerdì , anche perché contro Novak ne avrò bisogno" Su ciò che sta accadendo in Australia: "Le prime gare dell'anno, soprattutto per me, sono fondamentali e piuttosto difficili.

Mi piacerebbe giocare un paio di eventi prima dell'Australian Open, magari anche l'Atp Cup. Ma penso che stiamo facendo il meglio che tutti possono, il Governo australiano è cauto perché lì non ci sono casi e non vogliono complicate le cose.

Se improvvisamente vengono oltre 3000 persone per il tennis, aumentano i rischi. Mi piacerebbe però giocare. Nell'eventualità non si giochino tornei prima dell'Australian Open credo che in quel caso tutto diventi una lotteria per vedere chi vince.

Spero davvero che si possa giocare prima, l'Australian Open è uno dei miei Slam preferiti e voglio che si giochi"