Medvedev: "La mia buona educazione mi ha aiutato nel mondo del tennis"



by   |  LETTURE 1818

Medvedev: "La mia buona educazione mi ha aiutato nel mondo del tennis"

È uno dei tennisti più particolari del circuito e dopo una stagione molto difficile Daniil Medvedev sembra essere tornato ai suoi livelli a Parigi Bercy, torneo Masters 1000 che ha conquistato ed ha battuto in finale Alexander Zverev.

Medvedev riesce a suscitare una capacità di sentimenti opposti nei fan, ci sono alcuni che lo abitano r addirittura sono stupiti davanti alla sua solidità ed altri invece sdegnati e che non gradiscono affatto il suo modo di giocare.

Alternando grandi gare a giornate no, il russo, ora nuovo numero 4 al mondo, sembra come un bambino che dispera e diverte in egual misura.

Le parole di Medvedev al sito ufficiale dell'Atp

Ai microfoni ufficiali dell'Atp Medvedev ha rilasciato interessanti quanto curiose dichiarazioni: "Quando sono in pista quello che cerco costantemente è far impazzire il mio rivale.

In generale rispetto allo scorso anno ho lavorato sulla mia forza mentale per molto tempo e posso dire di aver fatto molti progressi. A volte mi sembra di crollare ma non potete immaginare come sono cambiato rispetto a quello che ho fatto quando ero juniores.

Ho sentimenti difficili da controllare, ma credo che sarò un tennista migliore. Sto imparando a vincere le gare nei giorni in cui non sento bene la palla e credo che questa sia la chiave per avere successo nel tennis"

Sulla sua vita: "Da bambino leggevo molto, ero davvero introspettivo, frequentavo buone scuole e mi piacevano molto le lezioni di fisica e matematica. Sono andato in una delle migliori scuole di Mosca, sono migliorato in queste discipline e poi ho fatto un anno di università in cui sono migliorato in tanti aspetti e sopratutto mi sono divertito.

Li ho imparato a relazionarmi con le persone ed a parlare in modo appropriato per ogni contesto. So come esprimermi e trovo sempre le parole giuste. Inizialmente la mia conoscenza scolastica non era sufficiente, ma pian piano sono riuscito a padroneggiare queste cose ed anche in campo per me è lo stesso.

Quando sono in campo il mio obiettivo è fare impazzire in ogni momento il mio rivale" Abbiamo conosciuto meglio Medvedev nell'annata 2019, ma in questi ultimi giorni il russo sembra tornato nuovamente quello dei giorni migliori.