Rublev, un 2020 da grandi record: ecco quali sono i segreti del russo



by   |  LETTURE 2468

Rublev, un 2020 da grandi record: ecco quali sono i segreti del russo

Il 2020 gli ha regalato tante gioie ed un exploit per certi versi sorprendente, ma Andrey Rublev non smette di stupire ed anche a Vienna ha sorpreso tutti conquistando il suo quinto titolo Atp quest'anno. Il giovane tennista russo era arrivato in terra austriaca affermando ai media Atp che non aveva nulla da perdere e che era già soddisfatto di come era andata la sua stagione.

Lo stesso Rublev non si aspettava questo suo rendimento nel suo 2020, soprattutto dopo che quest'anno è stato condizionato dalla Pandemia e dallo stop di metà anno al tennis. A causa di questo stop sia i tennisti che i coach ed in generale tutta la comunità di questo fantastico sport hanno lavorato duramente per cercare di trovare la normalità in questo sport.

Il pazzesco 2020 di Andrey Rublev

Il 2020 di Rublev è iniziato con le vittorie nei tornei di Doha e di Adelaide, successi che gli hanno garantito la Top 20 nel circuito. Agli Australian Open Rublev ha ceduto contro Alexander Zverev, ma c'è da dire che il russo appariva appagato ed allo stesso tempo "stanco" dopo il forte inizio stagionale.

Tutti i tennisti hanno subito mentalmente la tensione per lo stop al tennis ed anche Andrey sia a Cincinnati che agli Us Open è apparso non ancora al meglio. Successivamente la cavalcata del tennista non si è però fermata ed il russo ha vinto ad Amburgo in finale contro Stefanos Tsitsipas, nel torneo di casa di San Pietroburgo ed infine a Vienna dove in finale ha sconfitto il "nostro" Lorenzo Sonego.

Rublev è il tennista che ha vinto più titoli quest'anno, ma ha ammesso che ha ancora molto da migliorare. Proprio l'umiltà e la voglia di lavorare sono il segreto vincente del giovane tennista russo: "Sono contento di essere per la prima volta alle Atp Finals di Londra, ma ammetto che ho ancora tanto da lavorare per migliorare"

La stagione di Rublev non è finita ed il russo sarà impegnato a Parigi Bercy in un match d'esordio contro Albot prima di affrontare appunto le Finals di fine anno. Finals dove Rublev non avrà nulla da perdere ma dove potrebbe ancora una volta stupire tutti.