Dimitrov e il 2020: "È stato un anno difficile, ma ora adoro sempre essere in campo"



by   |  LETTURE 2819

Dimitrov e il 2020: "È stato un anno difficile, ma ora adoro sempre essere in campo"

L'anno 2020 rappresenta sicuramente un'annata molto difficile per tutti noi ed il mondo del tennis con i tennisti non fanno eccezione. Loro come noi sono stati costretti a sconvolgere le proprie abitudini a causa di questo virus che ha sorpreso e "annientato" le convinzioni di tutti noi.

Tra i tennisti più colpiti, un giocatore particolare che ha dovuto subire più di tutti i capricci del Covid-19, è sicuramente il bulgaro Grigor Dimitrov. Nel corso del 2020 Grigor sia prima che dopo ha subito una trasformazione costretto sopratutto dal caos che lo ha circondato e reso inerme dinanzi al virus.

Ciò nonostante, Dimitrov ha provato ad imparare lezioni di vita al di fuori del campo da tennis.

L'evoluzione nelle parole di Grigor Dimitrov

Il forte tennista ha parlato rispondendo a TennisWorld Usa ed ha discusso di come ha affrontato questo problema e come è letteralmente cresciuto dopo i problemi che lo hanno colpito.

Ad Anversa, dove Dimitrov ha raggiunto i Quarti di finale del torneo, il tennista si è aperto nel post gara onesto nel dichiarare che questo non è stato un anno come gli altri: "Sono state davvero molte le cose che ho passato quest'anno e sono cose che vanno oltre il tennis, ad essere onesti.

Non vorrei mai nascondere le cose e fingere che tutto sia collegato a questo. Ovviamente sono cose diverse. Abbiamo tutti vite al di fuori del tennis, ho avuto dei punti difficili che riguardano la mia salute e la mia vita e non è mai facile bilanciare tutto questo.

Credo che nessuno di noi abbia dubbi su questa situazione" L'ex numero 3 al mondo ha proseguito raccontando: "Si passa attraverso queste cose difficili e si cresce grazie a queste. Per qualche ragione queste cose mi stanno davvero aiutando in campo e cerco di apprezzare sempre di più questo sport, ad apprezzare il mio mestiere e quello che faccio ogni volta che scendo in campo.

A volte sembra che vincere o perdere sia per me la stessa cosa e questo mi lascia grandi sentimenti e pensieri. L'amore per il tennis? Sono stato in grado di recuperarlo e penso che questo mi abbia aiutato molto a rientrare mentalmente un questo sport ed essere sempre eccitato quando mi trovo su un campo da gioco" Photo Credit: European Open di Anversa