Marco Cecchinato: "Avevo tantissimo bisogno di questa finale"



by   |  LETTURE 1461

Marco Cecchinato: "Avevo tantissimo bisogno di questa finale"

Marco Cecchinato non ha sottovalutato il suo avversario ed ha dominato la semifinale del Forte Village Sardegna Open. Il tennista azzurro ha perso un solo game contro il serbo Danilo Petrovic e le statistiche non possono che essere dalla sua parte.

Cecchinato ha vinto il 65% dei punti totali, strappato cinque volte la battuta al suo avversario e chiuso la pratica in meno di un’ora.

Cecchinato, dalla top 100 alla finale dell'ATP 250 di Pula

“I lucky loser sono sempre pericolosi” , ha spiegato il siciliano ai microfoni di SuperTennis.

“Oggi la cosa importante è stata non sottovalutare un avversario con un buon servizio. Sono entrato in campo molto attento, sono stato perfetto in risposta. Lui non ti dà ritmo, pochi scambi. Ho impostato bene la partita con Max Sartori.

Ero venuto qui fuori dai 100. L'obiettivo nostro era di rientrarci, ora abbiamo raggiunto anche un'altra finale. E' passato un anno e mezzo dall'ultima, ma sembra un’eternità. Avevo tantissimo bisogno di questa finale.

Sentivo che era cambiato qualcosa durante il lockdown. Mi sono allenato bene, tanto e con qualità. Da Roma penso che sia ritornato ad alto livello. Fare tanti match ad ogni torneo mi aiuta a prendere ritmo. Con Max abbiamo rispolverato quello che si era impolverato dalla fine dell'anno scorso.

A livello di gioco ho più pazienza, sono più ordinato durante tutta la partita. Gioco dal primo all'ultimo punto ad alto livello" Si è invece dovuto arrendere Lorenzo Musetti, che ad un passo dalla sua prima finale a livello ATP ha dovuto fare i conti con un fastidioso problema al gomito.

"Già questa mattina durante il riscaldamento mi faceva male il braccio ma non pensavo fosse così grave e prima di scendere in campo ho preso un antidolorifico" ha detto il giovane azzurro dopo il ritiro nel terzo set , "Però ha fatto effetto probabilmente per poco più di due set, ma sul 3-1 al terzo ho sentito una fitta davvero dolorosa al gomito.

Ho chiesto l’intervento del fisioterapista però il dolore era troppo intenso e ho preferito fermarmi, anche per non aggravare la situazione. Comunque per come stava andando il match, in quel momento il mio avversario si meritava la vittoria” .