Il pensiero di Corrado Barazzutti sul talento di Jannik Sinner



by   |  LETTURE 16203

Il pensiero di Corrado Barazzutti sul talento di Jannik Sinner

“Sinner è un talento molto, molto giovane che possiede tanta forza e ha dei colpi incredibili. Lui colpiva ogni pallina con molta potenza e con queste condizioni non era facile per me. Non c’era rotazione nei miei colpi e quindi era difficile per me metterlo fuori posizione.

Poi ho finito per giocare in modo molto più aggressivo e quello era l’unico modo per farcela” . Con queste parole, Rafael Nadal ha elogiato Jannik Sinner, che al suo primo Roland Garros ha raggiunto i quarti di finale e lottato alla pari per due set contro uno dei giocatori più forte della storia del tennis.

La strada da percorrere è ancora lunga e ricca di insidie, come ha ribadito l’altoatesino in conferenza stampa, ma il futuro è tutto dalla sua parte.

Corrado Barazzutti si esprime sul talento di Jannik Sinner

In un’intervista al sito ufficiale della Federazione Italiana Tennis, Corrado Barazzutti ha voluto complimentarsi con Sinner, uno di quei tennisti che potrebbe regalare tante soddisfazioni alla squadra italiana di Coppa Davis.

“Sinner è un predestinato, arriverà molto in alto. eri sera ha giocato una grande partita, per due set ha messo alle corde un campionissimo come Nadal. Ha giocato senza alcun timore reverenziale di fronte a un signore che ha vinto 12 volte il Roland Garros.

Gli è mancata un po' d'esperienza nei momenti decisivi, quando ha servito per il primo set sul 6-5 e sul 4-4 nel secondo, dove tra l'altro è stato anche sfortunato per un nastro contrario. Di sicuro arriverà in alto perché è uno dei talenti giovani più bravi e ha anche la 'testa giusta'

Nei top ten penso proprio di sì, ma speriamo anche meglio. Italia? Siamo fortunati in questo momento in Italia perché abbiamo tanti giocatori giovani bravi: oltre a Jannik, ci sono Matteo Berrettini che è il numero 8 del mondo, Lorenzo Sonego, Lorenzo Musetti, e altri meno giovani ma comunque molto forti come Stefano Travaglia e Marco Cecchinato. Il futuro è roseo" .