Tsitsipas: "Vi spiego come è cambiato Jannik Sinner rispetto allo scorso anno"



by   |  LETTURE 20055

Tsitsipas: "Vi spiego come è cambiato Jannik Sinner rispetto allo scorso anno"

Dal nostro inviato a Parigi - Dopo aver rischiato tantissimo all’esordio contro Jaume Munar, Stefanos Tsitsipas ha decisamente ritrovato il suo miglior tennis al Roland Garros. Il greco non ha concesso set a Pablo Cuevas, Aljaz Bedene e Grigor Dimitrov, raggiungendo i quarti a Parigi per la prima volta nella sua carriera.

Lo scorso anno la sua cavalcata era stata interrotta agli ottavi da Stan Wawrinka in una delle battaglie più emozionanti di tutta la stagione. Lo stesso Tsitsi aveva ammesso che quella sconfitta gli era rimasta nella testa, ma lo aveva aiutato a velocizzare il suo percorso di crescita.

Dodici mesi dopo, Stefanos è un giocatore e una persona migliore.

Tsitsipas: "Sinner ha un futuro luminoso"

“Di sicuro il ricordo di quella partita risiede ancora nel mio cervello. Cosa ho imparato? Che c’è bisogno di partite del genere nella carriera di qualsiasi giocatore.

Penso che Wawrinka abbia subito delusioni del genere e abbia imparato da quelle esperienze. Credo che in quel match abbia inciso anche la sorte, sarebbero bastati un paio di punti più fortunati e avrei vinto io. Si è decisa su pochissimi colpi, eravamo vicinissimi.

Questi momenti devono essere utilizzati per imparare, ma non bisogna cadere nell’ossessione” – ha raccontato la testa di serie numero 5. Al prossimo turno ci sarà Andrey Rublev: “Siamo cresciuti insieme ed è migliorato molto.

Ci siamo incontrati mille volte, penso che abbia un record favorevole contro di me. Il mio obiettivo è fare meglio rispetto alla finale di Amburgo, non sarà semplice. Lui ha un tennis molto completo ed è più solido rispetto a qualche anno fa.

Ha migliorato tanto anche il servizio, oltre a poter disporre di colpi molto potenti. Abbiamo uno stile di gioco abbastanza simile, direi. Forse io sono più propenso a venire a rete, mentre lui cerca di più gli angoli.

Stiamo parlando di un avversario molto stimolante. Tira fuori il meglio da me quando giochiamo contro”. A Tsitsipas è stato chiesto di esprimere un parere su Jannik Sinner, che lo ha battuto a Roma qualche settimana fa.

“Sono stato uno dei primi giocatori ad affrontarlo nel tour lo scorso anno. Ha un grande talento e un atteggiamento sicuro in campo. Nel 2019 non era così solido e fisicamente era più gracile, ora è migliorato molto in questi comparti.

Lo attende un futuro radioso. Non sarei sorpreso se riuscisse a battere dei Top 5 o anche qualcuno dei Top 3. Perché no? Ha un tennis difficile da arginare, è alto e i suoi colpi fanno davvero male”.