Sinner: "Ho vinto contro un avversario duro, le condizioni qui non sono facili"



by   |  LETTURE 6939

Sinner: "Ho vinto contro un avversario duro, le condizioni qui non sono facili"

Con una grande prestazione Jannik Sinner batte la testa di serie numero 11 del torneo David Goffin ed ottiene al debutto a Parigi il suo primo successo al Roland Garros. L'italiano ha mostrato un gran tennis, non soffrendo quasi mai la caratura dell'avversario e dimostrando ancora una volta di essere uno dei talenti più luminosi del tennis dei prossimi anni.

Nel post gara Sinner è apparso in sala conferenze e davanti ai media ha raccontato le sue impressioni per la vittoria qui a Parigi contro un avversario davvero molto insidioso e che in carriera ha disputato anche i Quarti di finale del Roland Garros.

Le parole di Jannik Sinner in conferenza stampa

Ecco le parole di Sinner in conferenza stampa: "L'inizio della gara è stato davvero molto duro perché Goffin non era un avversario semplice e lo conoscevo grazie a numerosi allenamenti svolti insieme a Cincinnati, agli Us Open ed a Montecarlo.

È una persona eccezionale e sapevo che avrei dovuto dare il meglio di me per vincere. L'inizio della gara è stato duro , ci sono stati diversi stop e le palle qui sono molto più pesanti rispetto ai tornei che ho disputato in precedenza.

Inoltre il campo era diverso rispetto agli altri giorni ed è stato difficile adattarmi a questa cosa. Ho avuto un esordio tutt'altro che facile e affrontavo un tennista che di solito è Top Ten e che gioca molto bene sulla terra.

Sono davvero molto contento di questa vittoria. Le condizioni? Non sono per nulla facili qui, il campo era pesante e anche il tetto non aiutava molto. Non posso dire se ci sono differenze rispetto allo scorso anno visto che lo scorso anno non ero qui.

Per me debuttare in questo modo al Roland Garros è un onore e devo dire che le condizioni sono particolari visto che c'era vento e molto freddo. So che ci sono state tante polemiche su queste nuove palline e la verità è che sono molto lente.

Gli undici game di fila? Non mi aspettavo affatto di vincere così tanti game di fila, ma dal secondo set mi trovavo davvero a mio agio. Il mio rovescio ha funzionato a meraviglia e ho cercato di fare muovere il mio avversario provando a logorarlo un po'

Ho giocato molto bene e forse lui non era al massimo, ma ho dovuto mantenere la concentrazione per tutta la gara e ci sono riuscito. Sono molto felice di aver debuttato in un torneo come il Roland Garros con una vittoria"