Serena Williams e i suoi 39 anni: "Non ho intenzione di fermarmi"



by   |  LETTURE 1787

Serena Williams e i suoi 39 anni: "Non ho intenzione di fermarmi"

È il giorno del suo 39esimo compleanno e Serena Williams, si sente pronta, più carica che mai in vista del prossimo Roland Garros. Tanti sospettavano che la campionessa americana avrebbe rinunciato al torneo parigino dopo l'esito negativo agli Us Open con l'eliminazione in semifinale ma in realtà la tennista ha deciso di perseguire il 24esimo Slam fino alla fine ed anche a Parigi proverà a raggiungere il record di Margaret Court.

Ecco le sue dichiarazioni riportate in vista dell'inizio del Roland Garros: "Di solito io non festeggio i miei compleanni ed anzi provo a dimenticare questo giorno. Onestamente non avrei mai pensato di giocare a tennis fino a 39 anni anche se, devo dire, non mi sento una 39enne.

Non so quando arriverà il momento di fermarsi, ma al momento mi sto divertendo, poi quando sentirò che è finita sarà finita. In passato avrei scommesso ogni cosa che non avrei mai giocato a questa età, ma devo dire che ci sarà un motivo se non ho mai scommesso"

Serena Williams sul Roland Garros

Parlando riguardo al Roland Garros l'americana dichiara: "Adoro essere qui, mi sento molto bene e sento che posso giocare meglio. Credo che per migliorare ho bisogno di continuare a giocare e sfidare grandi avversarie.

Per me è davvero importante giocare in una sorta di bolla personale, al momento tutto funziona. È decisamente meglio che restare a casa. Giocare a Parigi senza aver mai giocato su terra nel 2020? Non ho avuto un setup prima di questo torneo, ed è abbastanza strano.

Ma è una stagione strana e mi sono allenato all'accademia di Patrick (Mouratoglou) e sto cercando di prepararmi per questa nuova sfida. Questo è praticamente tutto quello che ho fatto" Sui problemi fisici al tallone d'Achille? "Sono qui e questo penso già dica qualcosa.

È vero che non sono al 100 %, ma non conosco tennisti che sono sempre al 100 % e stanno perfettamente. Alla fine è qualcosa che tutti gli atleti devono affrontare"