Coco Gauff: “Lo sport deve essere una piattaforma per cambiare la società”



by   |  LETTURE 1472

Coco Gauff: “Lo sport deve essere una piattaforma per cambiare la società”

La giovanissima Cori Gauff è nata 13 marzo del 2004 a Delray Beach, in Florida. Praticamente sconosciuta, è diventata d'improvviso nota a tutto il mondo del tennis in occasione del torneo di Wimbledon 2019 in cui, da qualificata, ha sconfitto la connazionale Venus Williams prima di fermarsi negli ottavi di finale, battuta dalla futura campionessa Simona Halep.

Il suo primo successo sul circuito WTA è arrivato nell’ottobre dello scorso anno, quando ha superato la lettone Jelena Ostapenko per aggiudicarsi il titolo di Linz, in Austria. Agli ultimi Australian Open ha raggiunto il quarto turno e, dopo la conclusione del torneo, ha raggiunto la 49° posizione del ranking WTA, suo miglior piazzamento al giorno d'oggi.

Cori Gauff parla dell’importanza dello sport

Il miglior risultato conseguito dalla giovane americana a Flushing Meadows è rappresentato dal terzo turno dello scorso anno, quando è stata fermata da Naomi Osaka in due set dopo aver già battuto Anastasija Potapova e Timea Babos.

Se si prendono in considerazione gli Us Open attualmente in corso, la statunitense ha preso parte solamente quattro volte al tabellone principale di un torneo del Grand Slam. “Noi sportivi di alto livello dobbiamo dimostrare che siamo persone che vivono nel mondo reale e che abbiamo le nostre preoccupazioni come tutti gli altri al di fuori del proprio mestiere”, ha detto Gauff nella conferenza stampa che precede il debutto a New York.

“Il mio livello di gioco è oggi il più alto che io abbia mai avuto. Mi sono preparata molto duramente per questo torneo”. Al Western & Southern Open di Cincinnati, in via del tutto eccezionale quest’anno andato in scena a New York, Cori è stata sconfitta al primo turno dalla greca Maria Sakkari, che l’ha battuta con il duro punteggio di 6-1 6-3.

Un paio di settimane fa, Gauff è stata invece capace di spingersi fino alle semifinali del WTA International di Lexington, prima di essere fermata da Jennifer Brady in sue set.