Noah Rubin: "Il mondo del tennis in questo momento fa schifo"



by   |  LETTURE 2203

Noah Rubin: "Il mondo del tennis in questo momento fa schifo"

L’emergenza sanitaria ha fermato il mondo del tennis per più di cinque mesi e potrebbe avere un forte impatto sul destino di molti tornei. L’impossibilità odierna di organizzare eventi aperti al pubblico rappresenta un grande ostacolo verso la crescita di questo meraviglioso sport.

Gli incassi derivanti dalla partecipazione degli appassionati agli eventi è infatti fondamentale per la maggior parte dei tornei che compongono il calendario tennistico annuale.

Noah Rubin attacca il mondo del tennis

Noah Rubin, attuale numero 225 del ranking ATP, crede che in questi mesi di pausa non siano stati fatti grandi passi in avanti per garantire la prosperità di tutto il movimento.

“Il mondo del tennis in questo momento fa schifo” , ha detto senza troppo paura Rubin nel corso di un’intervista a SPOX. “Abbiamo sprecato sei mesi. Siamo rimasti sdraiati sul divano per sei mesi e non abbiamo fatto nulla.

Non abbiamo cercato di utilizzare il tempo per far crescere il tennis e per guidare il cambiamento. Questo mi rende triste. Avremmo potuto davvero sfruttare questo tempo. Nulla cambierà nel tennis anche nel 2021, continuerà a rimanere indietro rispetto agli altri sport.

Il tennis è in uno stato terrificante” . Il giocatore americano non ha la classifica per partecipare agli Us Open e soprattuto non ha nessuna intenzione di spostarsi in Europa per giocare tornei Challenger. “Non ci sono tornei per me in questo momento.

Capisco i giocatori che si stanno preparando per gli Us Open ed il Roland Garros. Ma io per cosa dovrei prepararmi? È un periodo strano. Non so cosa aspettarmi. Gli eventi Challenger in Europa non sono un’opzione per me perché ho deciso di non viaggiare.

Non varrebbe la pena, i tabelloni sono molto competitivi e tutti cercano un’opportunità. Dovrei rischiare la mia salute. Non ho idea di come andare avanti. Nei primi mesi di quarantena non ho mai toccato la racchetta; poi ho ripreso ad allenarmi in maniera leggera" .