Becker sicuro: "Sinner ha tutti i numeri per diventare uno dei migliori al mondo"



by   |  LETTURE 2168

Becker sicuro: "Sinner ha tutti i numeri per diventare uno dei migliori al mondo"

Per riassaporare la magia dei Championships, anche Boris Becker dovra attendere un altro anno. Il più giovane campione della storia del torneo, ripreso da Federica Cocchi de "La Gazzetta dello Sport" telefonicamente, ha avuto modo di analizzare quella che è diventata la nuova normalità.

«Con tutto quello che stava succedendo, in primavera con la pandemia non si poteva fare altro». La questione "Adria Tour" che ha assorbito la stragrande maggioranza dei dibattiti nel mese di luglio si è arricchita con un altro parere.

«Bisogna sottolineare il fatto che il tennis resta uno sport sicuro perché non ci sono contatti tra i giocatori. Niente può realmente accadere. Quel torneo era per una buona causa, Nole voleva solo creare un grande evento benefico, ma il fatto che il governo serbo permettesse agli spettatori di riempire le tribune senza protezioni non ha aiutato.

Il pericolo virus avrebbe dovuto essere gestito globalmente in modo diverso e, invece, si è presa la decisione sbagliata. Purtroppo le previsioni non erano corrette e, come spesso accade, a posteriori si può dire che bisognava stare molto più attenti…»

Anche il tennis maschile è pronto a ripartire.

E Becker punta su Sinner...

La "bolla" di Flushing Meadows, che ha aperto le porte una manciata di giorni fa, ospiterà la ripartenza del circuito maschile con il "1000" di Cincinnati e ovviamente con lo Us Open.

«In origine, vedendo i numeri del Covid a New York, ero pessimista. Ma adesso penso che sia possibile realizzare un torneo sicuro e bello per tutti. Senza spettatori sarà molto strano, ma la cosa più importante è salvaguardare la salute di tutti.

Il torneo è aperto, potrebbero uscire nomi nuovi». Potrebbe toccare all'Italia con Matteo Berrettini, già semifinalista lo scorso anno, ma soprattutto Jannik Sinner? «Hanno entrambi grandissimi margini di miglioramento.

Berrettini, ad esempio, può costruire nel tempo un rovescio sicuramente più efficace. Se devo dirla tutta, in prospettiva Sinner mi sembra il più completo, anche dal punto di vista mentale. È molto solido e ha tutti i numeri per diventare uno dei migliori al mondo». Photo Credit: Getty Images