S.Williams dopo la pesante sconfitta subita a Lexington: "Posso giocare molto meglio"



by   |  LETTURE 4196

S.Williams dopo la pesante sconfitta subita a Lexington: "Posso giocare molto meglio"

È arrivata la prima grande sorpresa di questo nuovo capitolo della storia del tennis. Serena Williams ha perso il match di quarti di finale a Lexington contro Shelby Rogers, attuale numero 116 del ranking WTA. Erano circa otto anni che la campionessa americana non perdeva contro una giocatrice fuori dalla top 100.

L’ultima volta era avvenuto nel 2012 al Roland Garros, quando Serena si arrese alla francese Virginie Razzano. Dopo aver vinto nettamente il primo parziale per 6 giochi a 1, Williams non è più riuscita ad imporre il suo gioco ed ha dovuto subire la rimonta della Rogers.

Quest’ultima ha giocato con grande attenzione i punti più importanti del match ed ha chiuso con il punteggio finale di 1-6, 6-4, 7-6( 5) .

Serena Williams commenta la sconfitta contro la numero 116 del mondo al WTA di Lexington

“Ho avuto una grande opportunità per vincere il match in due set, ma mi sono complicata la vita commettendo una quantità enorme di errori non forzati” , ha dichiarato Williams nella conferenza stampa post-match.

“So che posso giocare molto meglio di così. É positivo sapere che posso migliorare. È stato difficile leggere il suo servizio nel terzo set: la palla su questi campi rimbalza molto più alta del normale.

Lei ha approfittato davvero bene di questa situazione” . Rogers, da parte sua, non ha potuto fare altro che esprimere tutta la sua gioia per una delle vittorie più prestigiose della sua carriera. “Mi sono resa conto che nel primo set e all’inizio del secondo connettevo troppi errori” , ha spiegato la ventisettenne.

“Quindi ho cercato di allungare gli scambi tenendo la palla in campo senza rischiare troppo. È sicuramente una vittoria prestigiosa questa ottenuta contro una giocatrice come Serena, ma è soprattuto importante aver conquistato un’altra vittoria che fa tanto morale dopo una pausa così lunga dai tornei” .