Kei Nishikori: “Ecco come il dolore ha compromesso il mio gioco nel 2019”



by   |  LETTURE 1476

Kei Nishikori: “Ecco come il dolore ha compromesso il mio gioco nel 2019”

Il giapponese Kei Nishikori ha compiuto 30 anni lo scorso 29 dicembre. Numero 4 del mondo nel 2015, in carriera vanta una finale a Flushing Meadows e i quarti di finale disputati in tutti gli altri tornei del Grand Slam. Semifinalista in due occasioni alle ATP Finals, alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 ha conquistato un’importantissima medaglia di bronzo, sconfiggendo Rafael Nadal nella finale per il terzo e quarto posto.

Tra i 12 titoli vinti in carriera anche due trofei del Rakuten Japan Open Tennis Championships di Tokyo, in cui ha battuto in entrambe le occasioni il canadese Milos Raonic. In una nuova intervista per TBS S1, Kei ha parlato del futuro del suo tennis.

Nishikori: “Ho ancora molta voglia di competere”

Scivolato oggi oltre la 30° posizione mondiale, il tennista nipponico non scende in campo ormai dall’ultima edizione dello Slam di New York, a causa di un brutto infortunio che lo ha anche costretto ad un intervento chirurgico al gomito.

“I giovani stanno arrivando”, ha detto Kei. “Questo non fa che motivarmi. L’anno scorso ho sopportato il dolore e ho continuato a giocare, ma questo non faceva che peggiorare andando avanti con le partite.

Non riuscivo a concentrarmi sul gioco, il dolore occupava i miei pensieri più di quanto non lo facesse il punto appena disputato”. Nishikori ha infine parlato del suo originale progetto di tornare in campo per la scorsa primavera, rinviato adesso a data da destinarsi per la pandemia di Coronavirus nel mondo: “Nel momento in cui ho ripreso in mano una racchetta per la prima volta dopo l’operazione, mi sono sentito davvero spaventato.

Io mi dimentico le cose, per questo mi sono chiesto: ‘Come si faceva a tenere in mano una racchetta?’. Non vedo l’ora di tornare a competere. Voglio divertirmi a stare là in campo e giocare con gioia, invece di aspettare da me stesso di essere perfetto”.

Agli Us Open dello scorso anno, Kei è stato battuto nel terzo turno dal giovane e promettente australiano Alex de Minaur, che ha avuto la meglio di lui per 6-2 6-4 2-6 6-3.