Toni Nadal su Kyrgios: "È un peccato che non si impegni un po' di più"



by   |  LETTURE 2134

Toni Nadal su Kyrgios: "È un peccato che non si impegni un po' di più"

Nel corso di una recente intervista, Toni Nadal, zio ed ex coach del numero 2 del mondo Rafael, ha parlato di uno del talenti più puri del panorama tennistico internazionale: Nick Kyrgios. Complice un temperamento a dir poco turbolento, l’australiano non è mai riuscito a sfruttare fino in fondo le sue enormi potenzialità tecniche, e questo secondo Toni è un vero peccato, per lui e per il tennis in generale.

Se in giornata, infatti, Nick è in grado di mettere in difficoltà anche i migliori giocatori del mondo: non a caso, il classe ’95 è riuscito a battere diverse volte sia Roger Federer che Rafael Nadal, e vanta un incredibile 2-0 nei confronti diretti contro Novak Djokovic, che gli si è arreso a Acapulco e a Indian Wells in apertura di 2017.

Le parole di Toni Nadal su Nick Kyrgios

“Sfortunatamente, Kyrgios sa giocare a tennis” ha esordito Toni. “Oggi i ragazzini vogliono vederlo. Io sono di un’altra epoca, non è il mio stile. Ha un talento pazzesco, una predisposizione naturale incredibile, ed è un peccato che non si impegni un poì di più.

Ma lui ha scelto di fare le cose in maniera diversa. Credo che qualche suo comportamento non sia affatto edificante, ma non può essere ignorato il suo impatto sul tennis”. Parole sicuramente più dolci rispetto a quelle che Toni aveva dedicato a Kyrgios in un’intervista concessa a Radio Marca nel marzo 2019, pochi giorni dopo il litigio consumatosi tra Nick e Rafa nel match di secondo turno di Acapulco.

“Rafa ha completamente ragione su Kyrgios” aveva detto Toni in quella circostanza. “Gli mancano educazione e intelligenza. Dovrebbe lottare per i primi posti della classifica e invece è numero 40. Non sembra un cattivo ragazzo, ma si è mostrato irrispettoso già diverse volte e credo che riprendere il filo per lui sia difficile”.

Sulla vicenda intervenne ai tempi anche Sam Groth, connazionale di Kyrgios. "È un dato di fatto che a Rafa non piace Kyrgios" disse Groth in un'intervista concessa a RSN. "Nick si è fatto conoscere nel mondo del tennis vincendo contro lo spagnolo a Wimbledon.

Credo che questo sia stato l'inizio dell'antipatia tra loro. Ora sono 3-3 negli scontri diretti e non sono tanti giocatori con cui Nadal non abbia un bilancio positivo. Questo non deve essere il massimo per lui" Photo Credit: Getty Images