Binaghi contro il sistema internazionale: "C'è bisogno di un'importante riforma"



by   |  LETTURE 991

Binaghi contro il sistema internazionale: "C'è bisogno di un'importante riforma"

Nella giornata che ha segnato la ripartenza del tennis internazionale, nella cornice del Country Time Club di Palermo, il presidente della FIT Angelo Binaghi è intervenuto ai microfoni di SuperTennis TV per fare il punto della situazione dopo cinque mesi di dubbi e difficoltà.

«Sono orgoglioso di ciò che sta facendo il tennis italiano e delle parole di Andrea Gaudenzi, ringrazio anche il ministro dello sport Vincenzo Spadafora per il lavoro svolto. Si stanno per concludere i campionati a squadre di ogni ordine e grado, in Italia siamo gli unici a poter dire di aver portato a termine tutte le competizioni.

Adesso si penserà alla stagione internazionale, in particolare agli Internazionali di’Italia, che cercheremo di organizzare al meglio, anche per dar modo ai giocatori italiani di mettersi in mostra»

Binaghi attacca il sistema internazionale

Gli Internazionali d'Italia, appunto, che dovrebbero fare da sfondo al Roland Garros dal 20 al 27 settembre.

Con gli spalti vuoti. Il Comitato Tecnico Scientifico non ha giudicato sufficienti le misure presentate dalla Fit, che aveva previsto una presenza giornaliera di 17 mila persone in tutto il parco del Foro, eppure il presidente della federazione ha confermato di essere in contatto con il governo per capire cosa si può fare.

Binaghi nel corso dell'intervista ha ovviamente colto l'occasione per parlare delle varie dinamiche che si sono create nel sistema internazionale negli ultimi complicatissimi tempi. Non senza qualche polemica. «Sono due le questioni che sostengo in questo momento: innanzitutto ci vuole un’organizzazione diversa, ci sono troppo circuiti a sé stanti, e poi mi sembra che questo monopolio del circuito internazionale non ci sia in nessun altro sport.

C’è un sistema sbagliato, ci sarebbe bisogno di un’importante riforma» ha spiegato. Ricordiamo che prima di spostarsi in Europa, il carrozzone del tennis dovrebbe toccare gli Stati Uniti con un'inedita versione del "Western&Southern Open" di Cincinnati e soprattutto con lo Slam newyorkese. Photo Credit: Getty Images