Situazione Us Open, parla Mouratoglou: "Servono risposte più dettagliate"



by   |  LETTURE 752

Situazione Us Open, parla Mouratoglou: "Servono risposte più dettagliate"

Il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha escluso la cancellazione dello Us Open. Andrea Gaudenz, con la benedizione di Steve Simon, ha invitato più volte alla cautela. In attesa di capire quale scelta verrà presa in vista della tournée Flushing Meadows (con il torneo di Cincinnati e soprattutto con lo Slam newyorkese) il quadro dei pareri si è arricchito con quello di Patrick Mouratoglu.

L'occasionale special coach di Serena WIlliams, protagonista con il progetto "Ultimate Tennis Showdown" negli ultimi mesi, ha posto il problema sulla restrizione dei viaggi internazionali. Ovviamente, verrebbe da dire.

«Con l'obbligo di quarantena, i giocatori non potrebbero poi disputare i tornei di Madrid o Roma. Giusto? E questo vorrebbe dire rimanere in un albergo per due settimane prima di giocare un torneo dello Slam. Mi sembra un po' assurdo» ha spiegato.

«Se la USTA fornisse delle rispose più dettagliate, e so che non è facile, probabilmente ci sarebbero più chance di disputare lo Us Open. Capitolo sudamericani: possono viaggiare oppure no? E gli australiani? Quali direttive ci sono per loro? Non credo si possa pensare di organizzare uno Slam che sia solo un evento nazionale, giusto? Dobbiamo sapere cosa hanno intenzione di fare» ha spiegato con grandissima lucidità.

Lexington, New York... E poi?

"Serenona" rientrerà nel circus a Lexington, in Kentucky, e punterà la ventiquattresima perla Slam a New York. O almeno questo è il piano. Mouratoglou non ha ovviamente potuto dare delle garanzie sulla possibile presenza della campionessa statunitense in Europa.

«Serena è nella stessa situazione di tutti quei giocatori e tutte quelle giocatrici che quasi sicuramente giocheranno lo Us Open. Tecnicamente non so se un giocatore che vive negli Stati Uniti, e lei vive lì, possa spostarsi tranquillamente in Europa.

Quindi, di nuovo: queste sono domande che devono ottenere una risposta nell'immediato. Vale anche e soprattutto per Serena. Se Serena vorrà giocare in Europa, e sicuramente vorrà, dovra saperlo in maniera da organizzarsi nella migliore maniera possibile» ha concluso Mouratoglou. Photo Credit: Getty Images