Puig, il peggio sembra alle spalle: "Sento di essere più forte. E voglio divertirmi"



by   |  LETTURE 1212

Puig, il peggio sembra alle spalle: "Sento di essere più forte. E voglio divertirmi"

Tutte le vittorie hanno delle conseguenze. Nel bene e nel male. Citofonare a casa Monica Puig per maggiori informazioni. La portoricana, che ha fatto la storia di una nazione intera, dopo la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Rio 2016 si è ritrovata a combattere contro il demone della depressione.

Battaglia che ha raccontato senza particolari filtri su "Behind The Racquet" qualche mese fa. La portoricana, che dopo un brutto infortunio al gomito nella passata stagione è ritornata a dare un morso alla normalità grazie al "World Team Tennis" negli States, nel corso di una chiacchierata con i ragazzi di tennis.com ha comunque provato a tirare un bilancio a pochi giorni dalla ripartenza del circuito femminile.

Che come ormai tutti sappiamo sarà segnata dal Ladies Open di Palermo il primo di agosto. «Ho sfruttato i mesi della quarantena per rimettermi in forma e soprattutto per recuperare l'adrenalina della competizione.

Quello che mi piace meno del tennis è viaggiare da solo. Adoro le competizioni a squadre, mi divertono molto e vorrei che il circuito ne fosse pieno» ha raccontato.

Olimpiadi di Tokyo e futuro

Per difendere quel dannato oro, la piccola grande Monica dovrà attendere ancora un anno.

Un bene, sotto alcuni punti di vista. «Se le Olimpiadi si fossero giocate quest'anno, probabilmente non sarei arrivata in forma, quindi sono felice siano state rimandate. Condividere il palcoscenico con i migliori atleti del mondo è sempre speciale.

A ogni modo, credo che questi anni così difficili mi abbiano fatto maturare. Sento di essere più forte e soprattutto di essere in grado di fare cose che ritenevo impensabili fino a qualche tempo fa. Ancora adesso faccio fatica a pensare di essere una campionessa olimpica.

Di tanto in tanto tocco guardo la medaglia per ricordarmi cosa sono in grado di fare. Durerà per sempre, il mio nome sarà sempre associato alla storia olimpica. Ed è un grande orgoglio per me. Adesso voglio solo ritrovare quelle sensazioni in campo, godermi questo sport, sfruttare tutta l'esperienza che ho accumulato» ha spiegato la numero novanta del mondo.

Assente dai campi dall'ottobre del duemiladiciannove a causa di un'operazione al gomito. Photo Credit: Getty Images