Viktor Troicki: “Credo di aver contratto il virus a Pune, in India”



by   |  LETTURE 1018

Viktor Troicki: “Credo di aver contratto il virus a Pune, in India”

Il trentaquattrenne Viktor Troicki, numero 12 del mondo nel 2011, è stato recentemente vittima del contagio da Covid-19 assieme alla propria famiglia: “Ho perso il senso del gusto e dell’olfatto”, ha precisato il serbo al podcast Wish & Go di Sport Klub.

“Mia moglie non si sentiva bene ed era molto stanca. Ha fatto il test per il Coronavirus perché stava davvero male. Se lei non fosse risultata positiva, probabilmente io non mi sarei sottoposto al tampone perché non avrei sospettato niente di niente.

Non avevo sintomi al di là della perdita del gusto e dell’olfatto”.

Il soggiorno di Troicki in India e il sospetto del contagio

Lo scorso febbraio è andato in scena nella città indiana di Pune il torneo ATP 250 del Maharashtra Open.

Troicki, dopo aver superato le qualificazioni, ha sconfitto Sumit Nagal nel primo turno, prima di dare forfait per la partita successiva contro il giapponese Yuichi Sugita. “Credo di aver contratto il Coronavirus in India, a febbraio”, ha spiegato Viktor.

“Mi sono ritirato dalla seconda partita. Ho avuto una sensazione mai sperimentata prima di allora. Sono rimasto a letto una settimana senza mangiare niente, stavo andando in pezzi. Allora il virus non era così diffuso come lo è oggi, ma io avevo tutti i sintomi.

E’ stato veramente brutto. Rimanevo a letto, senza potermi muovere. Martedì mi sono ritirato in vista del match contro Sugita. Dovevo andare al Club anche se non so come sia riuscito a farlo. Dopo il mio forfait, tra martedì e domenica i finalisti terminavano i loro rispettivi percorsi nel torneo mentre io ero ancora nel letto del mio hotel.

Non potevo uscire e non è stato facile. Per questo credo di aver già avuto il Coronavirus, avevo sintomi molto più forti e fortunatamente stavolta non è stato così spaventoso. Stavo aspettando di fare un secondo tampone, io e mia moglie siamo guariti e per due settimane abbiamo condotto una vita normale”.