Marco Cecchinato: “Semifinale a Parigi un colpo di fortuna? Non mi piace”



by   |  LETTURE 2653

Marco Cecchinato: “Semifinale a Parigi un colpo di fortuna? Non mi piace”

Nell’aprile del 2018, il ventiseienne Marco Cecchinato raggiungeva la sua primissima finale sul circuito ATP in quel di Budapest, in Ungheria. Lì, riusciva anche a sollevare il suo primo trofeo della carriera dopo aver sconfitto in due set l’australiano John Millman.

Poche settimane più tardi, dopo aver superato Marius Copil, Marco Trungelliti, Pablo Carreno Busta e David Goffin, Cecchinato sconfiggeva anche l’ex numero uno del mondo Novak Djokovic nei quarti di finale del Roland Garros, con il punteggio di 6-3 7-6 1-6 7-6.

La corsa del siciliano a Parigi si infranse successivamente in semifinale contro l’austriaco Dominic Thiem, che ebbe la meglio in tre set.

Marco Cecchinato sull'edizione 2018 del Roland Garros

Intervistato da La Repubblica, il tennista di Palermo ha dichiarato: “Le persone hanno parlato molto del mio percorso a Parigi.

Molti di loro hanno detto che il mio è stato un colpo di fortuna. Sinceramente, non mi piace sentirmi dire così. Ho lavorato sodo per fare un buon torneo prima del Roland Garros e avevo già vinto un torneo prima di andare là, per poi conquistarne altri due successivamente.

Non penso che i miei buoni risultati sul Tour siano dovuti alla fortuna”. Il miglior ranking raggiunto in carriera da Marco Cecchinato è arrivato nel febbraio del 2019: in quel mese, il siciliano ha toccato la 16° posizione mondiale.

Vincitore a Budapest, Umago e Buenos Aires, l’italiano non mai ha superato il primo turno agli Australian Open, a Wimbledon ed agli Us Open. Quest’anno ha raggiunto al massimo la finale nel Challenger di Punta del Este, sconfitto da Thiago Monteiro.

A Melbourne è stato subito fermato dal tedesco Alexander Zverev e nei tornei di Doha, Auckland, Cordoba, Buenos Aires, Rio de Janeiro e Santiago del Cile non è mai andato oltre la seconda partita. Agli Internazionali BNL d’Italia ha raggiunto al massimo il secondo turno, nel 2018 e nel 2019 (sconfitte con David Goffin e Philipp Kohlschreiber). Marco compierà 28 anni il prossimo settembre.