Il tweet di Isner fa infuriare i fan: "Voi coronabros potete restare in cantina"



by   |  LETTURE 1536

Il tweet di Isner fa infuriare i fan: "Voi coronabros potete restare in cantina"

I nuovi casi di Coronavirus negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno superato quota 50mila e l’emergenza sanitaria continua ad essere critica e preoccupare la popolazione. Nonostante questo, dal 3 al 5 luglio si disputerà ad Atlanta un torneo di esibizione che vedrà come protagonisti i migliori giocatori statunitensi.

Prenderanno parte all’evento John Isner, Taylor Fritz, Reilly Opelka, Sam Querrey, Tennys Sandgren, Tommy Paul, Steve Johnson e Frances Tiafoe. Si parla quindi di tennisti presenti nella top 100 del ranking ATP e pronti a darsi battaglia in campo.

L’organizzazione dell’evento ha fatto molto discutere perché prevede la presenza del pubblico. Sul sito del torneo sono state però specificate le regole e le misure che bisognerà rigorosamente seguire.

Innanzitutto, l’accesso all’interno della struttura sarà limitato: gli spettatori previsti per ogni giornata sono circa 450. Tutti i tifosi dovranno poi sottoporsi alla misurazione della temperatura e compilare il questionario sui sintomi del Coronavirus all’ingresso.

I posti a sedere rispetteranno le regole del distanziamento sociale e le mascherine non saranno obbligatorie.

Il tweet di Isner che ha fatto infuriare i fan

John Isner, numero uno americano, ha voluto difendere il torneo attraverso un tweet che ha suscitato clamore.

“Voi coronabros potete restare in cantina quanto vi pare” , ha scritto Isner. “Io ho scelto di vivere la mia vita e giocare/promuovere lo sport che amo in maniera sicura” .

Isner ha poi provato a distendere il clima di tensione rispondendo ad alcune critiche ricevute in maniera del tutto pacifica.

“Non volevo sottovalutare in nessun modo gli effetti del virus, ma capisco questa percezione. Penso che possiamo continuare con le nostre vite in maniera sicura senza aver bisogno di un altro lockdown” , ci ha tenuto a specificare il gigante americano.

In particolare il giornalista Ben Rothenberg si è detto molto contrario agli eventi che si disputeranno negli Stati Uniti. "A questo punto, penso che sia assurdo che gli eventi di tennis ad Atlanta e nella Virginia Occidentale stiano pianificando di riunire centinaia di fan insieme" .

·