Gaudenzi spiega i progressi dell'Atp sulla questione premi negli ultimi anni



by   |  LETTURE 605

Gaudenzi spiega i progressi dell'Atp sulla questione premi negli ultimi anni

È un momento difficile per il mondo del tennis ed ora come ora è importante fornire tutte le delucidazioni possibili riguardo questo sport. Intervenuto in un Q & A con i fan il neo presidente dell'Atp Andrea Gaudenzi ha voluto chiarire alcune delle ultime circostanze riguardo il mondo del tennis.

Ecco le sue dichiarazioni: "La struttura che abbiamo qui all'Atp è unica nel suo genere. Parliamo di una partnership paritaria tra giocatori e tornei e questo è importante da riflettere nella nostra Governance centrale.

Sopra tutto abbiamo il consiglio d'amministrazione dell'Atp composto da 7 perdone: tre rappresentanti dei tornei, tre rappresentanti dei tennisti e poi ci sono io in quanto presidente Atp. È chiaramente una rappresentazione 50 e 50.

Ogni membro del consiglio di amministrazione è scelto dai propri stakeholder ed ha il dovere di fare ciò che è giusto per l'intero circuito. Parliamo comunque di una struttura molto democratica dove ognuno espone le proprie idee"

La situazione riguardante la ripresa del tennis ed i premi

Gaudenzi continua: "A un certo punto, affinché un'azienda possa funzionare in modo efficace, non è possibile consultare tutti i tennisti o i membri di ogni torneo.

È qui che interviene la nostra struttura di Governance, è la chiave per permetterci di essere agili" Sulla ripresa del tennis: "È stato un lungo processo per molto mesi che ha portato a un programma totalmente nuovo.

Siamo dovuti essere agili e creativi, il processo ha comportato compromessi e concessioni da tutte le parti. Abbiamo fatto chiamate di gruppo con tutti i tennisti ed i rappresentanti di tutti i tornei. Le nostre decisioni sono state prese in stretta collaborazione con WTA, USTA, FFT e ITF"

Riguardo la distribuzione dei premi Gaudenzi afferma: "Tra il 2009 ed il 2019 il montepremi totale è raddoppiato e i maggiori aumenti percentuali annui solo stati diretti ai turni di qualificazione e ai primi turni, nel tentativo di distribuire somme a più giocatori. Quindi possiamo dire già che negli ultimi anni vi sono stati grandi aumenti"