Alex De Minaur racconta uno dei momenti più tristi della sua carriera



by   |  LETTURE 1160

Alex De Minaur racconta uno dei momenti più tristi della sua carriera

Non c'è dubbio che il giovane tennista australiano Alex De Minaur venga considerato tra i tennisti più promettenti del circuito Atp. Il talentuoso ragazzo è considerato, al pari di Tsitsipas, Zverev ed anche (se più indietro) del nostro Sinner, uno dei giocatori pronti a fare parte della staffetta generazionale che sostituirà i Big Three.

Attraverso i microfoni di The Age il ragazzo ha raccontato la fase iniziale di questa carriera, dagli inizi ai momenti più difficili. Ecco le sue parole: "Ricordo la sfida contro Rafael Nadal nell'ultima Atp Cup, è stato uno dei momenti più tristi in un campo da tennis finora per me, ho lasciato (in quel momento) il numero 1 del mondo alle corde e solo a causa di qualche piccolo dettaglio non sono riuscito a portare a casa la vittoria.

Devo dire che, nonostante la sconfitta, ho imparato molte cose da quella partita ed è questa una delle cose a cui ripenso. Alla fine tendo sempre a prendere il lato positivo delle cose. Ho mostrato cose che nessuno si aspettava e molte persone sono rimaste sorprese dalla mia prestazione.

Alla fine sicuramente avrò nuove opportunità per battere i migliori tennisti del circuito"

De Minaur sull'infortunio e sulla ripresa del tennis

Continuando De Minaur ha trattato di altri temi come l'infortunio e la ripresa del tennis.

Il giovane tennista ha parlato: "Lo stop prima dell'Australian Open? Quello stop ha significato tanto per me, mi sono trovato in uno dei migliori momenti della mia carriera e avevo grandi aspettative per questo Slam.

Avevo lavorato duramente nella preseason per poter dare il massimo davanti ai miei fan e non riuscire a farlo non mi ha fatto stare bene. Non ho potuto dare il massimo a casa mia e questo mi ha fatto stare male, però non vedo l'ora di tornare nella prossima edizione del torneo"

Lo stop al tennis? "La Pandemia ha causato il rinvio del mio ritorno nel circuito, è stato molto difficile ma non dobbiamo essere tristi, bisogna utilizzare questo isolamento come cosa del passato e usarlo come motivazione in vista del futuro.

Spero che quando si tornerà alla normalità , sarò allo stesso livello di quando ho lasciato prima del mio infortunio"