Il commento di Elina Svitolina sulle condizioni in cui riprenderà il tennis



by   |  LETTURE 862

Il commento di Elina Svitolina sulle condizioni in cui riprenderà il tennis

La ripresa del mondo del tennis è argomento di discussione di tutti i tennisti e le tenniste nel circuito. C'è grande fiducia dopo l'ufficializzazione del calendario, ma allo stesso tempo c'è preoccupazione per come verranno disputati i tornei, in particolare quelli in America e in generale gli Us Open.

La tennista ucraina Elina Svitolina ha trattato di questo e altri argomenti intervenendo ad un portale della sua nazione ed ha commentato così l'incertezza attorno al futuro del tennis. Ecco le sue parole: "È bello che il tennis ritorni, ma allo stesso tempo tutti i giocatori hanno molte domande.

Oggi le condizioni che ci offrono non sono ideali, sappiamo che ci saranno molti test, avremo isolamento e non sappiamo cosa accadrà con la distribuzione di punti e soldi. Se la WTA decide di non distribuire punti nei tornei non so quanto convenga giocare quel determinato torneo.

So che comunque nelle prossime settimane ci saranno nuovi incontri tra le parti e sicuramente avremo novità a riguardo"

Le parole della Svitolina sul tennis e sugli US Open

La tennista ucraina continua: "Non c'è dubbio che sia l'USTA che gli US Open faranno di tutto per garantire che il torneo si svolga nelle migliori condizioni possibili e con l'obiettivo primario che nessun tennista si ammali durante il torneo.

Come ho detto in precedenza però, le condizioni sono abbastanza rigide e questa situazione piace a pochissime persone. Seguendo il regolamento alla lettera, se un tennista si ammala o ha qualche sintomo, verrebbe eliminato dal torneo, isolato per quattordici giorni e non resterebbe in contatto con nessuno.

Valutiamo come evolve la situazione nei prossimi mesi, io spero che tutto riprenda bene e la normalità torni il prima possibile" Sulla preparazione per il rientro in campo la Svitolina ha parlato: "Mi sono allenata molto nelle ultime settimane e sto iniziando a recuperare buone sensazioni.

Ho giocato qualche settimana fa in un esibizione in Svizzera e poi a Berlino. È positivo vedere questi tornei di preparazione per riprendere la forma. Alla fine siamo sempre in 8-9 tennisti e il rischio di contagio è davvero basso. Voglio però ora tornare alla competizione e lottare per vincere i tornei principali"