Boris Becker commenta il ritorno del tennis alla "normalità"



by   |  LETTURE 1008

Boris Becker commenta il ritorno del tennis alla "normalità"

La ripresa del tennis, la nascita della sua accademia e tanti altri temi sono parte dell'intervista che Boris Becker ha fatto ai microfoni del quotidiano tedesco Hessensau. Ecco le sue dichiarazioni: "È grandioso che i piani siano stati portati avanti nonostante la crisi e il problema dell'emergenza sanitaria.

Il progetto non ha mai esitato, ma a dire il vero non c'erano grandi certezze sulla pianificazione e sulla riuscita dell'accademia. Pertanto è un piccolo miracolo se oggi, nonostante la Pandemia, siamo qui a parlare del suo sviluppo"

Sulla ripresa del tennis e sulla disputa degli Us Open Becker ha commentato: "Sono davvero felice che si giochi. È importante per i tennisti che possono attuare la loro professione, la realtà è che il 99 % dei tennisti fa assoluto affidamento sui premi in denaro dei tornei.

Non hanno tante entrate pubblicitarie o particolari assicurazioni. Conosco gente di questo mondo che hanno considerato la ricerca di un altro lavoro per andare avanti. Alla fine non gli è stato neanche permesso di insegnare a tennis.

La ripresa e i due Slam in poco tempo sono un segnale incoraggiante, sia Roland Garros che Us Open stanno lottando per la sopravvivenza e giocano a vicenda. Ho speranze anche sul fatto che il Roland Garros si disputi con la presenza del pubblico"

Le parole di Becker sulla Coppa Davis e su altre tematiche

Nel corso dell'intervista, Becker, membro del team della Coppa Davis, ha parlato anche del torneo: "Ci siamo qualificati per la finale e spero che si possa giocare senza problemi a Madrid alla fine di Novembre"

Recentemente Boris Becker ha anche parlato di diversi attacchi subiti sui social a causa della sua partecipazione a una manifestazione contro il razzismo a Londra. L'ex numero 1 al mondo ha dichiarato a riguardo: "Sono rimasto scioccato, inorridito dagli insulti che ho ricevuto dai miei connazionali ed in generale da tutta la Germania solo perché ho dato il mio supporto alla manifestazione per il Black Live Matters che si è tenuta in questi giorni nella capitale inglese"