Bopanna attacca Marion Bartoli: "Ha bisogno di una tazza di caffè"



by   |  LETTURE 1928

Bopanna attacca Marion Bartoli: "Ha bisogno di una tazza di caffè"

Marion Bartoli è stata una delle tenniste più amate del Tour WTA. L’ex campionessa francese ha vinto il torneo di Wimbledon nel 2013 e raggiunto la settima posizione del ranking mondiale nel corso della sua carriera.

Durante una videochat organizzata dal sito TennisMajors, Bartoli ha rilasciato delle dichiarazioni sul circuito di doppio che hanno fanno molto discutere. “Non penso mi farò nuovi amici dopo quello che sto per dire, ma non capisco perché i doppi si giochino durante tutto l’anno.

Mi sembra bello che ci siano durante gli Slam o i Giochi Olimpici perché fanno parte della storia del tennis. Mi sembra invece incredibile vedere certi budget destinati ai doppisti con team formati da sei persone che li accompagnano.

Perché l’ATP non smette di investire in questa specialità e non usa quei soldi per aumentare i premi in denaro nei Challenger? Non capisco. In doppio lo sforzo è decisamente minore, non ti alleni tanto. Non so se dovrebbero eliminarli completamente, ma senza dubbio limitare gran parte del denaro guadagnato con il doppio” .

Sono state queste le parole pronunciate da Bartoli.

L'attacco di Rohan Bopanna a Marion Bartoli

Rohan Bopanna è sicuramente uno dei migliori giocatori di doppio della storia. Il tennista indiano ha raggiunto la terza posizione del ranking mondiale, la finale agli US Open nel 2010 e le semifinali di Wimbledon nel 2013 e nel 2015.

In una recente diretta Instagram, Bopanna ha criticato duramente le idee espresse da Bartoli. “Non conosce abbastanza bene i fatti. Ha anche giocato in doppio e guadagnato molti soldi. Ha bisogno di una tazza di caffè per risvegliarsi”.

Rajeev Ram, vincitore quest’anno degli Australian Open in doppio, ha poi rincarato la dose. “Solo il 19% del montepremi totale dei vari tornei è destinato ai giocatori di doppio. È un mondo che potrebbe e dovrebbe essere commercializzato in maniera migliore”.