US Open, torneo al meglio dei tre set anche per gli uomini?



by   |  LETTURE 1363

US Open, torneo al meglio dei tre set anche per gli uomini?

Nelle prossime settimane si deciderà il futuro della stagione americana e, quindi, della possibile ripartenza del tennis. Sono tante le ipotesi sul tavolo e l’argomento principale riguarda le misure da adottare per uno degli eventi più importanti del tennis mondiale: gli US Open.

Il Chief Executive dell’USTA Stacey Allaster ha fatto il punto della situazione in un’intervista telefonica ad AP.

Dalle porte chiuse ai match al meglio dei tre set per il torneo di singolare maschile: tutte le ipotesi sul tavolo

“La situazione è ancora in divenire, non abbiamo ancora deciso del tutto" , ha spiegato Allaster, aprendo a una soluzione che farebbe molto discutere.

"Siamo concentrati al 150% per mantenere il torneo al Billie Jean King Tennis Center nelle nostre date. L’idea di giocare in un’altra città e in un’altra data la prendiamo in considerazione ma per ora non è la nostra priorità.

Singolare maschile al meglio dei tre set? Quest’opzione è stata dibattuta. Se i giocatori credono che sia la strada migliore, allora lo prenderemo in considerazione ma non decideremo unilateralmente. Negli incontri potrebbe esserci una riduzione dei giudici di linea mentre per il ruolo di raccattapalle dovrebbero esserci solo adulti”.

Per tutelare la saluta dei giocatori e degli addetti ai lavori, l’USTA sta pensando amche alla creazione di spogliatoi nei campi al chiuso e ad un sistema che assicuri una migliore ventilazione dell’aria, ma la presenza del pubblico è sempre più in discussione.

“Sempre meno probabile” , ha dichiarato Lew Sherr. “Non ci saranno dunque entrate per i biglietti, dell’hospitality e di una parte degli sponsor ma i restanti contratti restano significativi dal punto di vista economico”.