Tsitsipas si confessa: "Ecco qual è stato il mio più grande idolo in infanzia"



by   |  LETTURE 1815

Tsitsipas si confessa: "Ecco qual è stato il mio più grande idolo in infanzia"

In attesa che i Big Three abdicano totalmente dal Grande tennis si è creato un gruppo di giovani tennisti che auspica di prendere presto il loro posto e successo dopo successo sogna di coronare il sogno di un trionfo nei tornei del Grande Slam.

Uno di questi è certamente Stefanos Tsitsipas, talento greco attualmente numero 6 al mondo e considerato da tanti come il principale erede pronto a raccogliere lo scettro che lasceranno Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic.

Il 2019 ha visto una grossa crescita del ragazzo che ha concluso la stagione ottenendo una straordinaria vittoria alle Atp Finals 2019. Ai microfoni di Eurosport Tsitsipas ha raccontato come sta vivendo questo momento lontano dal mondo del tennis: "Io sono una di quelle persone che crede che tutti noi dovremmo restare chiusi in casa per un certo periodo dell'anno.

Capisco che sia molto dura restare a casa, ma per la natura questo periodo è stato positivo e sicuramente molto importante in ottica futura. Il nostro pianeta ha sofferto tanto e nel periodo di quarantena abbiamo notato che l'inquinamento si è abbassato notevolmente.

Inoltre tutti noi siamo riusciti a passare un po' di tempo con la nostra famiglia ed è stata una grande opportunità. Devo dire che mi sono sentito di nuovo bambino" Come mi preparo al rientro alla normalità? "Mi sto allenando ogni giorno anche se non sto dando il 100 %.

Sto crescendo gradualmente ma è ancora un momento complicato, nessuno di noi sa quando torneremo a giocare. Per evitare infortuni e per evitare di stancarmi troppo sto andando molto lentamente"

L'idolo di Tsitsipas e la sua più brutta sconfitta

"Senza dubbio la sconfitta agli Ottavi del Roland Garros 2019 contro Wawrinka è stata una grande delusione.

È stato molto difficile da superare, credevo davvero di vincere e pensavo di poter disputare un ottimo torneo dello Slam" Idoli? "Pete Sampras è uno dei miei idoli. Mio padre guardava tutte le sue gare ed abbiamo avuto l'opportunità di incontrarlo.

Alcuni anni fa lo vidi a Indian Wells e fu tutto straordinario. Il suo stile di gioco era unico e ha avuto grande impatto su di me. Credo che Pete sia stato un tennista straordinario e che con il suo modo di colpire il rovescio abbia totalmente rivoluzionato il mondo del tennis"