Yannick Noah: “Nick Kyrgios offre qualcosa di diverso”



by   |  LETTURE 969

Yannick Noah: “Nick Kyrgios offre qualcosa di diverso”

Il talentuoso e stravagante Yannick Noah, sessant’anni ormai compiuti lo scorso 18 maggio, è stato l’ultimo giocatore francese in grado di trionfare al Roland Garros e l’ultimo transalpino, in generale, ad aver conquistato un torneo del Grand Slam.

Vincitore infatti a Parigi nel 1983, Yannick si è ripetuto anche l’anno successivo, stavolta in doppio. Già numero 3 del mondo nel 1986, il francese si è ritirato cinque anni dopo. Oggi, secondo Noah, un giocatore come l’australiano Nick Kyrgios può apportare solo del bene al nostro sport, poiché nel tennis moderno bisogna cercare di fare qualcosa di diverso pur di avere successo.

Il parere di Noah su Kyrgios

Il venticinquenne Kick Kyrgios, attuale numero 40 ATP ma già top 15 nel 2016, è stato spesso criticato – tra l’altro – per aver utilizzato nelle proprie partite il servizio da sotto, come nella sfida contro Rafael Nadal nel secondo turno della scorsa edizione di Wimbledon.

Secondo alcuni, infatti, questo colpo è irrispettoso nei confronti dell’avversario. “Lui offre qualcosa di diverso”, ha detto Noah di Kyrgios, parlado a L’Equipe. “Quando vedo che serve da sotto perché Rafa resta sei metri dietro la linea di fondo campo, è come se andassi matto.

Poi, però, mi riempio di rabbia per la reazione di coloro che dicono che questa sia una mancanza di rispetto. Queste persone non capiscono niente. Niente! Se giochi ‘normalmente’ contro Rafa, perdi agevolmente anche se hai disputato un’ottima partita.

Se non provi qualcosa di differente non hai assolutamente alcuna possibilità. Credo davvero che se ci lavori duramente, il servizio da sotto possa essere un’arma contro giocatori come Rafael Nadal o Dominic Thiem, che stanno molto indietro rispetto la linea di fondo campo”.

Nella partita dell’anno scorso contro Nadal, fu infine il maiorchino a prevalere, con il punteggio finale di 6-3 3-6 7-6 7-6. La sfida si è poi riproposta quest’anno a Melbourne, con lo spagnolo ancora vincitore in quattro set e con lo stesso identico punteggio.