L'idea di Mahut: "Perché non giocare US Open e coppa Davis a Indian Wells?"


by   |  LETTURE 750
L'idea di Mahut: "Perché non giocare US Open e coppa Davis a Indian Wells?"

La speranza di poter rivedere un po’ di tennis nel 2020 sta facendo arrovellare giocatori e addetti ai lavori, a caccia di idee che possano consentire lo svolgimento almeno dei tornei più importanti nel rispetto delle norme di sicurezza.

L’ultima proposta, basata sulla possibilità di giocare più eventi in un solo luogo, è stata avanzata nei giorni scorsi dall’ex numero 37 del mondo Nicolas Mahut, che sul proprio account Twitter ha domandato: “È possibile immaginare di giocare gli US Open e la Coppa Davis a novembre a Indian Wells, o la Coppa Davis deve obbligatoriamente essere disputata a Madrid?”, con tanto di tag a Gerard Pique e al quotidiano L’Equipe.

Un’ide che batte pari con quella espressa da Jean-François Collet, direttore dei tornei di Losanna e Gstaad, che in un’intervista concessa al giornale svizzero Le Matin ha dichiarato: “Anche noi avremmo potuto pensare a far svolgere i nostri tornei a porte chiuse, ci abbiamo anche pensato; ma, francamente, le partite di tennis in queste condizioni non hanno alcun senso.

Meglio scegliere un luogo, Indian Wells per esempio, e fare tutto lì. È diverso che andare a Losanna, a Gstaad o in Califonia, è la stesso per tutti i giocatori”.

Photo Credit: Getty Images