Andrea Petkovic: "La mia carriera non finirà a causa del virus"


by   |  LETTURE 943
Andrea Petkovic: "La mia carriera non finirà a causa del virus"

Il 2020 tennistico non è mai iniziato per Andrea Petkovic. L’ultimo match della tedesca risale allo scorso ottobre, con il ritiro in apertura di secondo set nella sfida di secondo turno a Lussemburgo contro la connazionale Lottner.

L’infortunio, a quello stesso ginocchio sinistro che l’aveva quasi portata al ritiro cinque anni fa, l’ha poi costretta a sottoporsi ad un’operazione chirurgica ad inizio febbraio. Se già non è facile recuperare da un invervento a 33 anni, l’emergenza coronavirus ha aggiunto ulteriori dubbi e incertezze: ma cionostante, Andrea non ha alcuna intenzione di mollare.

“Mi alleno sul campo per un'ora al giorno, per conservare le mie abitudini e mantenermi in forma” ha infatti spiegato l’ex top 10 in un’intervista concessa al quotidiano FAZ. “Continuerò a giocare, ma a grandi linee un po’ meno di prima, concentrandomi sui grandi tornei e su quelli vicino a me.

Non voglio che la mia carriera si concluda a causa del coronavirus”. Riguardo alla possibilità di rivedere tennis nel 2020, Petkovic ha poi commentato: “L'unico scenario possibile secondo me è uno Slam a porte chiuse, perché questi grandi tornei possono permetterselo economicamente.

Non penso che i tornei più piccoli potrebbero fare lo stesso. Penso quindi che il Roland-Garros si svolgerà, ma a porte chiuse, solo per i ricavi dai diritti televisivi”.

Photo Credit: Getty Images