Marco Cecchinato racconta uno dei momenti più duri della sua carriera



by   |  LETTURE 1538

Marco Cecchinato racconta uno dei momenti più duri della sua carriera

Nel corso di un'intervista il tennista italiano Marco Cecchinato ha rivelato come la decisione di trasferirsi da Palermo a Caldaro a soli 17 anni si sia rivelata estremamente dura. Ecco alcune dichiarazioni rilasciate a Behind The Racquet: "Sono passato in un posto totalmente diverso, ero solo senza amici a Caldaro e passavo molto tempo a riflettere.

Non mi sono mai sentito a casa, era un paese diverso per me e lo sentivo come uno shock. Durante il mio tempo libero, quando ero solo, volevo solo stare a telefono con mia madre e piangere. Altre volte mi mettevo a guardare il soffitto fin quando non mi addormentavo"

Sul tennis: "Smettere di giocare a tennis non è mai stato un pensiero concreto per me, ma durante quel periodo di vita mi è passato alcune volte per la mente. Alla fine ero troppo determinato per fare bene e andar avanti.

Il mio allenatore, Sartori, ha sempre creduto in me e mi motivava a dare il massimo. Porterò dire che posso capire che la gente pensa che i tennisti siano psicopatici, abbiamo tempi molto frustranti e passiamo da una settimana triste a una settimana molto gratificante in base ai risultati"

Nel corso della sua carriera Cecchinato ha raggiunto la posizione numero 16 in classifica come Best Ranking ed ha come perla nella sua carriera la semifinale conquistata al Roland Garros.