Toni Nadal: "Il tennis può aspettare, dobbiamo pensare al bene comune"


by   |  LETTURE 794
Toni Nadal: "Il tennis può aspettare, dobbiamo pensare al bene comune"

«Non mi lamento, c'è gente che se la sta passando veramente male. Il mondo che conoscevamo è cambiato radicalmente, non penso torneremo facilmente alla normalità quando finirà. Senza un farmaco o un vaccino la situazione rimarrà complicata» Queste le parole diToni Nadal.

Ospite al "El Transitor" lo zio più famoso del tennis ha spiegato il suo punto di vista. «Non so se una cosa del genere farà cambiare le persone, perché sappiamo che gil esseri umani dimenticano facilmente e non possono vivere nella paura, ma è anche vero che per molti avrà delle conseguenze».

Dopo la sconfitta agli Australian Open e prima della vittoria ad Acapulco, Nadal ha partecipato al "Match for Africa" in compagnia di Federer. Ospite della serata anche Bill Gates, che proprio in quell'occasione aveva confidato ai due campionissimi i timori legati al coronavirus.

«Era già certo che viaggiare per il mondo sarebbe stato impossibile da marzo» Toni vive oggi la quarantena come tutti. Tra Serie Tv, libri e poche certezze. «Il torneo di Maiorca non è stato cancellato, bensì sospeso.

Si sta lavorando duramente per cercare un'alternativa. Tuttavia in questo preciso momento non ho proprio testa per pensare al tennis. Adesso dobbiamo al bene comune, questo sport può aspettare». Photo Credit: Getty Images