Ivanisevic, Enqvist e Ferrero in coro: “Jannik Sinner il futuro del tennis”


by   |  LETTURE 1887
Ivanisevic, Enqvist e Ferrero in coro: “Jannik Sinner il futuro del tennis”

L’ascesa del diciottenne Jannik Sinner è stata certo impressionante ed incredibilmente rapida: numero 550 del mondo ad inizio 2019, lo scorso febbraio ha toccato la 68° posizione del ranking ATP. Nel mezzo, tre successi Challenger e due titoli ITF, senza considerare il trionfo (da wild card) alle ultime Next Gen Finals di Milano, dove si è sbarazzato in finale del talentuoso australiano Alex de Minaur.

“Jannik Sinner: è lui il futuro”, ha detto di lui Goran Ivanisevic. “Diventerà sicuramente un top 5, forse anche il numero uno. Non posso spingermi troppo avanti, ma il ragazzo ha solo diciotto anni.

E’ cresciuto incredibilmente veloce, è un vero affare”. Anche lo svedese Thomas Enqvist, finalista agli Australian Open 1999, ha parlato del giovane talento italiano: “Certe volte le cose accadono molto rapide.

Lo abbiamo visto con giocatori come Stefanos Tsitsipas, per esempio. Ci sono quei tennisti speciali. Quando improvvisamente esplodono, tutto va molto veloce e le cose possono cambiare tanto in sei mesi. Credo che Sinner sia uno di quei giocatori che abbia fatto il decisivo passo avanti”.

Secondo lo spagnolo Juan Carlos Ferrero, numero uno del mondo nel 2003 e vincitore di un’edizione del Roland Garros, fondamentale per Jannik è la sua collaborazione con Riccardo Piatti: “Piatti è un coach dalla grande esperienza. Lo aiuterà molto, sicuramente. Penso che Sinner sia pronto per avere un grande anno”.