Simona Halep: "In Australia c'è una tranquillità che non trovo negli altri Slam"


by   |  LETTURE 3260
Simona Halep: "In Australia c'è una tranquillità che non trovo negli altri Slam"

Nel tennis femminile si sa, da quando Serena Williams non è più la dominatrice di un tempo, non è facile fare pronostici, né tantomeno riuscire a vedere tenniste che per anni riescono a mantenere la prima posizione del ranking o vincere più slam nella stessa stagione.

Simona Halep, al netto degli infortuni, sembra essere l'eccezione che conferma questa regola. Pur avendo alcuni alti e bassi in termini di risultati, negli ultimi anni la tennista rumena ha sempre occupato i primi posti della classifica WTA.

In un'intervista al quotidiano rumeno Digi Sport ha parlato delle differenze tra giocare gli Australian Open e gli US Open e la difficoltà di dover battere una tennista due volte di seguito. "Ho raggiunto le fasi finali in diversi tornei dello Slam, ma è vero che negli ultimi US Open non giocato come avrei voluto.

A differenza delle altre grandi competizioni, lì l'atmosfera è completamente diversa da Melbourne, Roland Garros o Wimbledon. Ci sono anche molte partite giocate di notte che non si adattano affatto al mio stile di gioco.

Inoltre, la tranquillità che vedo negli altri tornei non c’è. Nel caso in cui si dovesse giocare il Roland Garros spero di arrivare di nuovo in finale lottare per il titolo”. Sull’Australian Open ha detto: "Melbourne ha un punto a suo favore, cioè che ti senti più isolato, ha più pace e si sta molto bene.

Mi è sempre piaciuto e il fatto essere in grado di adattarmi alle condizioni meteorologiche è stato un vantaggio per me. Ho giocato questo torneo molte volte, arrivando anche in finale, spero di poterlo vincere presto.

Combatterò per riuscirci" Sugli altri tornei invece ha commentato cosi: "Negli Stati Uniti il ​​campo è molto più veloce, ma la palla non rimbalza tanto quanto gli Australian Open. Ad esempio, quando ho giocato con Kaia Kanepi negli US Open del 2018, le condizioni erano completamente diverse dagli Australian Open dell’anno dopo.

Infatti ia New York ho perso in due set, a Melbourne sono riuscita a batterla" ha concluso la tennista rumena che ha intenzione di tornare sul circuito al Masters 1000 di Madrid se la pandemia di coronavirus terminerà.