Ashleigh Barty analizza cosa è mancato nella sconfitta contro la Kenin



by   |  LETTURE 2989

Ashleigh Barty analizza cosa è mancato nella sconfitta contro la Kenin

Continua la maledizione delle giocatrici australiane agli Australian Open. Ashleigh Barty, numero uno al mondo e favorita per sfatare questo tabù ha ceduto contro l'americana Sofia Kenin, giovane sorpresa del torneo, che ha conquistato la vittoria in due set.

La Barty, al termine del match, ha commentato la sconfitta subita: "Il mio gioco non funzionava, ad un certo punto ho provato situazioni alternative, ma la realtà era che oggi non funzionava nulla. Ho avuto importanti chance nel corso della gara e perdere così è ancora più deludente.

Ho lottato fino alla fine e ho sempre creduto di poter vincere il match" Un analisi sul torneo? "Perdere oggi è deludente, ma se tre settimane fa mi avessero detto che avrei vinto Adelaide e sarei arrivata in semifinale qui, credo che sarei stata soddisfatta.

Non sono riuscita a giocare bene i punti decisivi e di conseguenza non ho fatto il massimo per vincere. Bisogna dare il merito a Sofia che ha disputato un ottimo match" Sulla Kenin: "Riesce ad adattarsi ad ogni filosofia di gioco, prova sempre nuove cose e controlla sempre dal centro del campo.

Ho visto nella gara che era sempre in controllo, cercava di anticipare ogni mia mossa. Dalla prossima settimana lei sarà nella Top10, merita grande rispetto e sarà una giocatrice eccezionale" Pressione per giocare in casa? "Assolutamente no, già in passato ho giocato una semifinale del Grande Slam anche se giocare in casa è diverso.

È stata una piacevole esperienza e mi è piaciuto ogni singolo minuto qui in Australia. Credo che ho avuto la possibilità di raggiungere la finale, ma non sono riuscita ad ottenerla" Sul futuro: "Ora dobbiamo analizzare come è andato questo torneo, sia cose positive che meno.

Godiamoci questa esperienza e poi penseremo ai prossimi tornei, il prossimo che giocherò sarà a Dubai"