Incendi Australia, Pat Cash contro il Primo Ministro: “Era stato avvertito”


by   |  LETTURE 1455
Incendi Australia, Pat Cash contro il Primo Ministro: “Era stato avvertito”

La situazione degli incendi in Australia si sta facendo giorno dopo giorno sempre più grave e drammatica: con decine di persone e milioni di animali morti, oltre a quasi cinque milioni di ettari di terra bruciati, la nazione oceanica è davvero in ginocchio.

Non poche le iniziative benefiche di questi giorni, che hanno coinvolto attori, cantanti, personalità e dello spettacolo e anche tennisti nella generale corsa ad apportare un proprio contributo per combattere l’emergenza.

L’australiano Pat Cash, vincitore di Wimbledon nel 1987 ed ex numero 4 del mondo, è apparso qualche ora fa nel programma televisivo ‘Good Morning Britain’ per esprimere la propria opinione sulla situazione: “Sto seguendo attentamente questo momento drammatico, sapevamo che prima o poi sarebbe accaduto.

Sono disastri mondiali … questo è solo l’inizio. Quello in Australia è un fenomeno senza precedenti e non c’è dubbio che riguardi l’attuale crisi climatica. Ci sono molte vite che sono state perdute, non c’è nessuno in Australia che non sia stato toccato dal problema”.

Secondo Cash, gran parte delle responsabilità per questo disastro sono del Primo Ministro del Paese, Scott Morrison: “C’è stata una reazione molto, molto lenta da parte del Primo Ministro. Purtroppo, non ha ascoltato i pompieri.

Sei mesi fa, venti degli ex capo pompieri si sono riuniti e hanno scritto una lettera chiedendo di incontrare il Ministro, avvertendolo esattamente su quello che presto sarebbe accaduto. Avevano annunciato: ‘Siamo inadeguatamente attrezzati, dobbiamo fare qualcosa, dobbiamo essere pronti per il disastro, che è imminente’. Morrison non lo ha fatto, era stato avvertito”.