Daniil Medvedev: "Difficile abituarsi alle condizioni, faceva davvero caldo"


by   |  LETTURE 1037
Daniil Medvedev: "Difficile abituarsi alle condizioni, faceva davvero caldo"

L’estate scorsa ha segnato probabilmente una svolta definitiva nella carriera di Daniil Medvedev. I trionfi di Cincinnati e Shanghai e la finale agli US Open hanno testimoniato la nascita di un vero e proprio top player, e il primissimo scorcio di 2020 non fa che confermare questa impressione.

In sei partite disputate tra Diriyah Cup e ATP Cup, il classe ’96 ha infatti collezionato altrettante vittorie, lasciando per strada appena un set (contro Fognini al primo turno dell’ATP Cup). Con la sesta di queste vittorie, ottenuta martedì nella sfida contro Casper Ruud, Medvedev ha certificato il primo posto della Russia nel Gruppo D, quello dell’Italia, che ha chiuso (eliminata) al secondo posto.

Anche a causa del torrido caldo australiano, il match non è stato però la solita passeggiata per il finalista uscente degli US Open, impostosi 6-3 7-6 dopo essere stato anche sotto di un break nel secondo set.

“Dopo aver giocato due partite di notte, con una temperatura che si aggirava intorno ai 20 gradi, oggi non è stato facile giocare” ha spiegato Medvedev in conferenza stampa. “Faceva davvero caldo. La palla rimbalzava tanto, in più Casper ha giocato molto bene.

È stato quindi un po’ difficile abituarsi alle condizioni. Ma sono contento di come ho lottato e della vittoria, visto che il secondo set è stato molto combattuto. Sono felice di averla chiusa in due set” ha concluso il russo. Photo Credit: Getty Images