Jannik Sinner: "Adesso sono consapevole del mio talento"


by   |  LETTURE 3008
Jannik Sinner: "Adesso sono consapevole del mio talento"

Nel corso di un’intervista concessa qualche settimana fa al Corriere, Jannik Sinner ha parlato del momento in cui scelse di dedicarsi al tennis. Una decisione sofferta, visto che l’altoatesino era ed è particolarmente dotato anche nello sci.

“Facevo sia slalom che gigante, di cui ero, di cui ero campione italiano junior” ha ricordato il fresco campione delle Next Gen Atp Finals. “Mi piaceva Bode Miller. Quando ho scelto il tennis tutti mi dicevano: come giochi bene!

Io sono stato l’ultimo a crederci: solo adesso sono consapevole del mio talento e delle mie capacità”. Per quanto sia fortemente legato alle sue radici e alla famiglia, Jannik si è trasferito a Bordighera all’età di 14 anni.

“Lasciare la famiglia non è stata una scelta facile ma, sci o tennis, ho sempre voluto diventare forte in uno sport. I miei mi hanno lasciato libero, li ringrazio” ha commentato il classe 2001. Il suo maestro di Brunico, Heribert Mayr, rivela invece un interessante aneddoto: “A 7 anni, Jannik aveva una voglia incredibile di giocare a tennis e una fretta indiavolata di imparare.

Non stava mai fermo, né accettava di sbagliare benché fosse agli inizi. Finita la lezione, riprendeva subito in mano la racchetta: palleggiava contro la parete della camera, cercando di centrare l’interruttore”.

Photo Credit: Getty Images