Pietrangeli: "Non è più Coppa Davis, è un baraccone. Ci vuole rispetto"



by   |  LETTURE 5417

Pietrangeli: "Non è più Coppa Davis, è un baraccone. Ci vuole rispetto"

La nuova Coppa Davis, organizzata dal Gruppo Kosmos di Gerard Piquè, ha mostrato alcuni evidenti difetti durante l’arco dell’intera settimana. Il primo chiaro errore degli organizzatori è stato quello relativo agli orari delle partite: basti pensare che l’Italia ha concluso il match di doppio contro gli Stati Uniti alle 4 di notte.

Nicola Pietrangeli, che nel 1976 ha vinto da capitano l’unica Coppa Davis conquistata dagli azzurri, ha criticato pesantemente il nuovo formato della storica manifestazione a squadre in un’intervista a Radio1 Sport.

"Parlo a nome mio: quello che hanno fatto è una cosa vergognosa" , ha dichiarato il due volte vincitore del Roland Garros. "Come si fa solo a pensare di fare un doppio di finale di Coppa Davis alle 02:00 di notte? Se fossi nella famiglia Davis gli farei causa.

Non è più Davis Cup, è Money Cup, Dollar Cup. Credo che un minimo di rispetto ci voglia. Non può essere tutto basato sui soldi. Non è più sport, è un baraccone. Se non cambiano, così chi ci va più alla partita? Hanno rovinato tutto”.

Anche Corrado Barazzutti aveva criticato le nuove regole subito dopo la partita contro gli Stati Uniti. "La Davis si merita un formato migliore e più rispetto per i giocatori, che vanno messi nelle condizioni migliori per scendere in campo"