Sinner pronto per le semifinali: "Sento un po' di stanchezza ma sto bene"


by   |  LETTURE 1389
Sinner pronto per le semifinali: "Sento un po' di stanchezza ma sto bene"

Il test con Ugo Humbert è stato del tutto circostanziale per Jannik Sinner. Già sicuro della qualificazione grazie ai successi su Frances Tiafoe e Mikael Ymer. Il talentino azzurro, sempre lucido e attento nelle analisi, non ha ovviamente nascosto le difficoltà accumulate nel corso della terza serata milanese: “Sì, dopo aver perso il primo set ho detto a Riccardo [Piatti, ndr] che non ci stavo capendo nulla.

Il mio avversario aveva un gioco strano, particolare. Ottimo servizio, rovescio piatto e veloce, dritto mancino. Insomma, non sono abituato a confrontarmi con giocatori così e questo non mi permetteva di sentirmi a mio agio in campo.

Ho cercato di fare qualcosa, di prendere ritmo, ma alla fine lui è semplicemente stato più bravo”. Ad aspettarlo in semifinale ci sarà comunque Miomir Kecmanovic. Giocatore dalle caratteristiche completamente differenti che a Milano ha già battuto Casper Ruud e Alejandro Davidovich Fokina: “Gioca bene e lo sta dimostrando in questo torneo” – ha detto l’azzurro con convinzione – “Non lo conosco benissimo, devo studiarlo, ma è sicuramente molto efficace e concreto.

Rispetto a Humbert forse ha un gioco che si adatta meglio al mio e che per certi versi potrei paragonare a quello di Ymer. Vedremo se sarò in grado di contrastarlo”. Agli sgoccioli di un anno decisamente ricco (e complicato) la stanchezza potrebbe essere una componente: “La sento, certo, ma tutto sommato sto bene. Sono pronto" Photo Credit: Getty Images